domenica, Maggio 9

L'idea di capitalismo di Richard D. Wolff Ogni sabato si discute sullo stato attuale economico

0

Ogni sabato, il professore di Economia Richard D. Wolff e i suoi ospiti discutono sullo stato attuale dell’Economia, sia a livello locale che globale in relazione alla crisi economica. Si concentrano su salari, posti di lavoro, le tasse e debiti – e sui tassi di interesse, prezzi e profitti. L’obiettivo è quello di spiegare perché alcuni cambiamenti economici stanno avvenendo e altre modifiche vengono rinviate o bloccati e essi possano esplorare modi alternativi di organizzare imprese, i mercati, e le politiche governative. Lo spettacolo è per le persone che vogliono capire e cambiare non solo la propria situazione finanziaria, ma anche l’economia più grande che tutti noi dipendiamo.

Questo progetto è reso possibile a causa di una partnership tra Truthout, il professor Wolff e 99,5 FM WBAI, stazione radio Pacifica di New York City.
L’11 settembre si è discusso su lavoro Precario e l’equivalente inefficienza del capitalismo con aggiornamenti sulle economia dei rifugiati, la storia del Labor Day, i Maestri di Seattle colpiscono e come posti di lavoro del Giappone sono in crescita sempre più precaria.
Risponde anche alle domande sul perché l‘aumento dei salari non deve significare l’aumento dei prezzi.L’intervista al Dr. Harriet Fraad sui dolori psicologici, la sofferenza personale ed enormi costi sociali cerca di far presenta che si impone un’incertezza sulla sicurezza del lavoro, ore e giorni di lavoro, benefici e dei salari.

(tratto dal canale ‘Youtube’ con video caricato dal Postcast del professore stesso)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->