domenica, Giugno 20

Libertà di Dimora sceglie la piazza field_506ffb1d3dbe2

0
1 2


Il dissenso cresce costantemente nella popolazione e manifesta ampiamente la sua contrarietà alle decisioni della politica italiana perché nessuno ascolta i problemi dei cittadini. Si sente forte la necessità di una politica rivolta maggiormente alle persone per intercettare le loro esigenze: Libertà di Dimora a Bologna non lascia spazio a dubbi. La campagna promossa per manifestare il dissenso annuncia due settimane di iniziative in vista della mobilitazione cittadina del 26 settembre 2015. È forte e chiara la frase che campeggia come slogan di Libertà di Dimora: ‘Riempiremo la città e i suoi spazi di iniziative’. «La questione fondamentale», si legge in una loro dichiarazione, «è legata a questa città perché c’è un tentativo di negare l’agibilità allo spazio del pensiero critico».

L’esigenza di esprimere quelle personali espressioni aumenta nel Paese, facendo registrare la nascita di diverse associazioni costituite spontaneamente da gruppi di cittadini. Con un chiaro obiettivo: manifestare il dissenso contro determinate scelte della politica. Il Comitato della campagna Libertà di Dimora sottolinea la ricchezza della plurale e ampia presa di parola, proprio in un momento dove la significativa attivazione della Bologna della libertà possa esprimersi al meglio, riprendendosi le strade della città. Questa forte necessità deve avere la capacità di unirsi nella diversità delle voci e delle istanze contro la Bologna della paura.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->