domenica, Aprile 11

Liberia, il mistero della nave fantasma field_506ffb1d3dbe2

0

In Liberia è ancora mistero sulla nave spiaggiata da giorni. Si sa che si chiama Tamaya 1, la cui ultima registrazione (poi revocata nell’ottobre 2015) è stata a Panama. Ora si trova a Robertsport, vicino al confine con la Sierra Leone, ma secondo il sito G-Captain l’ultima posizione conosciuta della nave era a sud del porto di Dakar, Senegal, il 22 aprile. Ma dopo si sa cosa sia successo nei dieci giorni successivi prima del ritrovamento. Le teorie vanno dal mancato pagamento dell’equipaggio, con conseguente abbandono della nave da parte di tutti, ad atti di pirateria. La popolazione della Liberia però accusa il governo centrale di non poter non esser a conoscenza della sua esistenza. In particolare le autorità hanno dichiarato di aver scoperto il relitto due giorni dopo la segnalazione fatta da alcune persone, che tra l’altro parlano di saccheggi sulla nave prima che arrivassero le autorità. Ma una fonte interna dell’Autorità Portuale Nazionale (NPA) ha detto che gli ufficiali erano «ignari di tutta questa vicenda perché Robertsport non ha un porto di mare. La nostra ipotesi è che l’armatore non avesse più i soldi per pagare i membri dell’equipaggio, che hanno quindi abbandonato la nave». Ma il mistero rimane: che vi siano altri traffici sotto?

(video tratto dal canale Youtube del The Telegraph)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->