martedì, Agosto 3

In Libano una maratona per il ritorno di Hariri 'Corriamo per te', 'Ti aspettiamo', sono solo alcuni dei messaggi lanciati su grandi striscioni dalla folla e dai partecipanti

0

‘Corriamo per te’, ‘Ti aspettiamo’, sono solo alcuni dei messaggi lanciati su grandi striscioni ieri durante la classica maratona del Libano nei confronti dell’ormai ex primo ministro Saad Hariri. Gli spettatori della corsa, lungo il percorso di 42,2 chilometri, hanno voluto dimostrare la loro vicinanza ad Hariri, dimessosi la scorsa settimana dopo un viaggio in Arabia Saudita. Era stato il presidente libanese Michel Aoun a incoraggiato i maratoneti ad appellarsi ad Hariri per farlo tornare.

La tv ufficiale saudita ha trasmesso intanto ieri immagini che mostrano l’ex premier libanese nell’aeroporto di Riyad mentre riceve il re saudita Salman bin Abdelaziz al suo rientro da un viaggio nella città santa di Medina. Hariri, che secondo diversi gruppi politici libanesi in Arabia Saudita è agli arresti, ha salutato il monarca con una stretta di mano, mentre Salman gli sorrideva.

Il presidente Aoun comunque nelle ultime ore ha ribadito di non avere ancora deciso se accettare o meno la rinuncia di Hariri, che nel discorso di dimissioni ha denunciato l’esistenza di piani per assassinarlo e ha accusato Teheran di interferire nelle questioni del governo e della vita politica del Paese.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->