martedì, Settembre 28

Libano, alta tensione al confine con Israele Il capo delle forze armate libanesi, il generale Joseph Aoun, ha disposto il 'pieno stato di allerta' dei militari

0

Si fa tesa la situazione in Medioriente. Il capo delle forze armate libanesi, il generale Joseph Aoun, ha disposto il ‘pieno stato di allerta’ dei militari lungo il confine orientale per «fronteggiare le minacce del nemico Israele e le sue violazioni». In particolare è stato chiesto ai soldati di vigilare per la «corretta implementazione» della risoluzione 1701 dell’Onu e di «garantire la stabilità» alla frontiera con Israele.

Viene quindi tirata in ballo la risoluzione, che pose fine al conflitto tra Israele e il gruppo terroristico sciita Hezbollah nel 2006, prevede che i militari libanesi siano responsabili della sicurezza sul proprio versante.

Oggi intanto è atteso il ritorno in patria del premier dimissionario Saad Hariri, trattenuto per alcuni giorni in Arabia Saudita e poi partito da Riyad alla volta di Parigi, dove ha avuto un incontro con il presidente francese Emmanuel Macron. A Radio Vaticana, il cardinale Béchara Boutros Raï, patriarca di Antiochia dei Maroniti, in merito alla questione, ha affermato: «Hariri mi ha raccontato che voleva creare uno choc positivo, si è detto pronto a riprendere la propria attività di piena intesa con il Presidente della Repubblica ed è anche pronto a ritirare le dimissioni se a Beirut troverà un clima positivo per un certo compromesso».

(video tratto dal canale Youtube di France 24)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->