martedì, Ottobre 26

#LetturedeLIndro Aspettando Elena

0

Una donna libera e ribelle alle ingiustizie nell’euforia e frivolezza della belle époque. Una storia nella Grande Storia, quella degli anni a ridosso della Prima Guerra Mondiale, vissuta attraverso le storie e passioni che animano la ‘Corte di Elena’.
E’ un invito alla lettura quello che vi proponiamo, cari lettori de L’Indro, sulle pagine del nostro giornale per le calde giornate d’estate. Un libro inedito e in esclusiva per L’Indro‘, che vi accompagnerà dal 3 al 28 agosto, da lunedì a venerdì, per venti capitoli, nell’affascinante mondo di ‘ELENA Bardotti Bugli – La donna che per prima scoprì il seno‘ che porta la firma di Gabriele Della Rovere.

Partendo dall’epico avvenimento del 10 luglio millenovecentododici, che segnò un’epoca, e la nostra Storia, incrociamo poi i protagonisti degli anni venti e trenta. E la stessa Elena: liberale, libertina, libertaria, protagonista del tempo e cardine di questa narrazione tra eventi epici, divertenti, seducenti, tragici e ridicoli. Il tutto attraversando fascismo ed opposizione, Seconda Guerra mondiale e ricostruzione, da eroina capace di coniugare divertimento ed impegno, sino agli anni settanta. Rimanendo fonte di ispirazione e punto di riferimento per molti uomini e molte donne.

Il viaggio attraverso la Storia prosegue fino all’oggi, con la storia di Elena che riprende e si ‘incarna’ in discendenti, in un viaggio fantasticamente reale ‘oltre le porte’.

Un viaggio estivo che ci auguriamo vi appassionerà. Un appuntamento da non perdere, tutte le mattine, con ‘L’Indro‘, con Elena e con Gabriele Della Rovere.
Buona lettura!

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->