domenica, Settembre 19

Legalizzazione delle scommesse online: un successo? field_506ffb1d3dbe2

0

titanbet-poker-tavolo1

 

Sono ormai passati più di due anni dall’inizio del processo di legalizzazione del gioco d’azzardo online in Italia. È del luglio del 2011, infatti, il primo provvedimento, ad opera dell’allora Governo Berlusconi, per aprire alle scommesse online su poker, lotterie e giochi da tavolo. Più di un anno dopo, nel dicembre del 2012, il Governo Monti ha invece legalizzato le slot machine online e il poker cash, completando il processo.

Non si può certo dire che si sia trattato di un processo facile. Come sempre, quando si parla di gioco d’azzardo, gli ostacoli erano molti. La paura per un’epidemia di gioco patologico era molto forte, e tantissimi erano coloro che si opponevano nella società civile alla legalizzazione. Questa opposizione, però, non ha trovato che poche sponde politiche, perché in epoca di crisi del debito pubblico e di rischio di default le autorità fiscali italiane avevano un bisogno disperato di nuovi introiti fiscali. Introiti che la regolamentazione dei casinò online poteva di certo garantire. Infatti, una delle più forti spinte per la legalizzazione venne proprio dall’Unione Europea, preoccupata che l’Italia non potesse pagare i suoi debiti e pressata, a sua volta, dalla lobby dell’industria del gioco e, soprattutto, dalle grandi banche creditrici del nostro Paese.

Insomma, la legalizzazione c’è stata, nonostante le opposizioni. Ora, a due anni di distanza, quali sono state le conseguenze di questo grande cambiamento? Si può dire che questa legalizzazione abbia rappresentato un miglioramento per il Paese o un peggioramento?

Dal punto di vista puramente economico, la legalizzazione del gioco è certamente stata un miglioramento. Per lo Stato, infatti, le scommesse rappresentano un’ottima fonte di tasse. Il gioco d’azzardo online ha permesso di ampliare il bacino degli scommettitori e ha reso le scommesse disponibili in qualunque momento, ovunque. La diffusione dei supporti mobili, come cellulari di ultima generazione, tablet e via dicendo, ha ulteriormente aiutato in questo senso.

I casino aams legali come titanbet.it fruttano allo Stato italiano centinaia di migliaia di euro di tasse, e non c’è dubbio che un mercato regolamentato sia anche più sicuro per i giocatori. I casinò che hanno una licenza aams, infatti, sono decisamente più controllati di quelli che non ce l’hanno. Chi giocava prima sui casinò illegali, e chi continua comunque a farlo, corre quindi dei rischi più alti rispetto a chi si rivolge solo ai casinò legali.

Inoltre il gioco online è enormemente più conveniente rispetto a quello che si gioca nei casinò ‘di terra’, o che si pratica nelle slot machine dei bar. I giochi possono essere utilizzati gratuitamente, o comunque scommettendo solo pochi centesimi per volta, fatto che non è possibile nei bar o nelle tabaccherie, e tanto meno nei casinò ‘di terra’.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->