martedì, Giugno 15

L'economia on demand sta crescendo rapidamente Ad oggi coinvolge più di 3 milioni di lavoratori

0

L’ economia on demand sta crescendo rapidamente: più di 3.2 milioni di lavoratori sono già coinvolti e, secondo le stime, raddoppieranno in soli cinque anni, arrivando a 7.6 milioni nel 2020. Si parla di Uber, Amazon e la più recente di tutte Hello Alfred, il primo maggiordomo virtuale. Con Alfred, “your list done”, tutti i professionisti americani, particolarmente impegnati, sono in grado di usare lo smartphone per fare la spesa, pulire casa, andare a ritirare i vestiti in lavanderia… senza alzare un dito.

Lavorando tutto il giorno, non ho tempo per occuparmi di me stessa”, racconta un’artista newyorkese. L’app si ispira proprio ad Alfred, il saggio maggiordomo di Batman.

La compagnia, sorta nel 2013, sorse da un’idea semplice, quella di pensare alla propria to do list… e poi non pensarci più. Qualche persona potrebbe pensare: “questa è una roba per pigri!”, ma le cofondatrici rispondono, non è una questione di essere pigri, è una questione di essere occupati, e avere quindi bisogno di focalizzare il proprio tempo. Avere modo di andare in palestra, o parlare con la propria madre non può essere definito pigro, piuttosto “intelligente“.

Il costo del servizio va dai 15 ai 42 dollari a settimana, dipende dal numero di visitatori. Si parla di più di 4000 famiglie nella sola area di New York e Boston. L’app intende infatti svilupparsi anche a San Francisco, Los Angeles, Washington Dc e Chicago. In attesa che arrivi anche in Italia, se non verrà ricacciata come Uber!

Oltre il 3% delle richieste sono accettate e “il contratto è la relazione, quindi curiamo molto le persone”. Ma questo è molto diverso da altre applicazioni, come Uber, che considera i lavoratori come “appaltatori indipendenti”, perché costa meno non avere cura dei propri dipendenti. Inoltre bisogna anche considerare il pericolo di un’economia on demand verso la saturazione.

Chi lo usa è più ottimistico degli esperti: “avere Hello Alfred è come avere un’assicurazione”, dice una “Alfred” virtuale.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘CBS This Morning’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->