mercoledì, Luglio 28

Le prime immagini di Palmira liberata (e devastata) Intanto l'esercito di Assad libera dalle mine la zona

0

A pochi giorni dalla liberazione definitiva di Palmira dai miliziani dell’ISIS, ecco arrivare le prime immagini del sito archeologico. E le immagini sono davvero incredibili. Sì perché gli esperti di archeologia siriani parlano di di innumerevoli reliquie e statue demolite e solo nelle prossime settimane si farà una stima dei danni. Per il momento infatti sono i nazione i militari per liberare la zona dalle mine e dalle bombe piazzate dai miliziani dello Stato Islamico: si parla di ordigni sia nella zona residenziale che nel sito archeologico. Il direttore dell’Hermitage, Mikhail Piotrovsky, ha offerto l’aiuto per stilare un progetto di restauro di Palmira: «In quanto custodi del patrimonio di Palmira potremo aiutare ad analizzare la situazione e dare consigli così che questo sito storico diventi un monumento alla cultura, un monumento alla vittoria sul fanatismo e non una replica moderna, semplice attrazione turistica».

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->