martedì, Settembre 28

Le Pen e la paura dei Nobel per la Frexit

0

«Se sarò eletta, chiuderò le frontiere». E’ questo quanto promesso dalla leader del Front National Marine Le Pen. La candidata all’Eliseo fa di questo uno dei punti cardine del suo programma, senza il quale non è possibile lottare contro il terrorismo.

Una Le Pen che punta poi alla Frexit, ossia all’uscita della Francia dalla Ue, sulla scia di quanto accaduto in Gran Bretagna. Gli avversari però non mollano e vogliono scongiurare questa ipotesi. A meno di una settimana dal primo turno delle presidenziali, il centrista Emanuel Macron e la Le Pen rimangono in testa alle intenzioni di voto, rispettivamente con il 23% e il 22% delle preferenze, anche se in calo. E sale invece ancora una volta il candidato della sinistra radicale Jean-Luc Melenchon con il 19,5%che precede François Fillon, che si attesta al 19%.

Ma il rischio di questa Frexit aleggia sul Paese e sull’Europa. E a lanciare un messaggio chiaro, con una lettera pubblicata su ‘Le Monde‘ sono 25 premi Nobel dell’economia: «La costruzione europea è fondamentale non soltanto per mantenere la pace sul continente, ma anche per il progresso economico degli Stati membri e il potere politico nel mondo». Insomma una evidente critica al messaggio antieuropeista della Le Pen.

I nobel criticano le «evoluzioni proposte dai programmi antieuropei, che destabilizzerebbero la Francia e rimetterebbero in dubbio la cooperazione tra Paesi europei, che assicura oggi la stabilità economica e politica in Europa». «Le politiche isolazioniste e protezioniste e le svalutazioni competitive sono degli strumenti pericolosi per cercare di stimolare la crescita economica: esse comportano misure di rappresaglia e guerra commerciale».

Nella lettera si critica anche la posizione di Le Pen e del suo Front National sull’immigrazione: «Quando sono integrati nel mercato del lavoro, i migranti possono essere un’opportunità economica per il Paese di accoglienza». I 25 autori denunciano poi che «c’è una grande differenza tra scegliere di non adottare l’euro e uscirne dopo aver adottato la moneta unica», un messaggio chiaro contro la volontà di far votare la Frexit.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->