martedì, Settembre 21

Le nuove forme d’investimento Le Provincie del Centro della Nazione come nuova frontiera dello sviluppo economico nazionale

0

Vietnam industrie

Bangkok – Il Vietnam che cresce e che cresce in modo rapido. Varie forme sono state adottate finora per rendere il Paese appetibile per gli investitori internazionali, come ad esempio, le facilitazioni e le forme di sostegno a favore di chi intenda investire in Vietnam in qualità di imprenditore e a fronte di diversi gradi di sofferenza o relativo fermo delle proprie economie nazionali in tutta l’area geopolitica ed economica circostante. Le più alte cariche istituzionali vietnamite sono state esse stesse, in prima persona, l’elemento catalizzatore e di raccordo tra vari ruoli imprenditoriali e istituzionali in Patria ed all’estero. Allo stesso tempo, si sono fatte promotrici  di misure atte ad abbassare le difese in senso benevolo, per consentire un passaggio meno ostacolo di beni, servizi e merci anche qui, a fronte di misure in altre Nazioni vicine, abbastanza limitative e protezionistiche come quelle notoriamente adottate in Thailandia, tanto per fare un esempio di una Nazione limitrofa che, già sviluppata, preferisce adottare criteri più esclusivi e selettivi nei confronti dei potenziali Paesi viciniori in quanto potenziali investitori.

Delle varie opzioni potenzialmente adottabili lungo la strada dello sviluppo economico, il Vietnam sembra aver scelto la strada abbastanza ficcante e pungente sulle piazze estere per acquisire clienti quanti più possibile mentre agisce in difesa della propria manodopera (importante per le rimesse in denaro). In casa propria, invece, agisce in difesa delle strategie amministrative finora applicate, come la divisione in Provincie ma soprattutto lo studio attento e la programmazione che ne consegue. Se si unisce tutto questo alle facilitazioni doganali, fiscali ed economiche, tutto ciò spiega il successo del Vietnam sulla scena internazionale e non solo Sud Est Asiatica. Sono numerosi i segnali ed i dati che giungono da questo punto di vista e che fino ad oggi spiegano l’attrattività del Vietnam sulla scena globale e che ci rendono comprensibile anche perché sempre più Società straniere e spesso anche Governi nazionali decidano di investire in Vietnam.

Uno dei tasselli del successo attuale del Vietnam sono le Provincie del Centro del Paese. Il Quang Ngai, ad esempio, svilupperà ulteriormente il proprio settore industriale nel tentativo di attrarre più investimenti a suo favore, come rivelano fonti locali. Durante un dialogo tenutosi online con i media locali e tenutosi ad Hanoi lo scorso martedì, Pham Nhu So, Vice Presidente della Commissione del Popolo della Provincia di Quang Ngai ed il top management della Dung Quat Economic Zone ha verificato che dopo 15 anni di sviluppo, la Dung Quat Economic Zone ha promosso lo sviluppo economico nella provincia ed è considerata una delle zone a maggior successo nello sviluppo economico tra le varie zone del Vietnam. La zona economica ha attratto 113 progetti con un capitale definito nella cifra di 8.5 miliardi di Dollari USA e capitale investito operativo pari a 5 miliardi di Dollari USA per 73 progetti operativi nella zona specifica. I primi centri di industria pesante nel Vietnam e che sono stati sviluppati presso la Zona Economica Dung Quat sono stati un impianto con funzioni di raffineria petrolifera, un altro è stato una centrale termo-elettrica, un altro di acciaio, un altro di imballaggio plastico, uno di cantieristica navale, poi uno di biocarburanti, uno di carta, uno di cemento ed un sistema di porti e servizi industriali. Lo scorso anno, il valore totale dell’indotto industriale e dei servizi commerciali nella Zona Economica Dung Quat ha raggiunto il valore di 130 trilioni di Dong (pari a circa 19 milioni di Dollari USA). La Provincia ha investito in modo massiccio in termini infrastrutturali nelle zone industriali ed in quelle economiche ed ha prefissato l’obbiettivo di raggiungere una crescita industriale al tasso del 17-18 per cento annuo entro il 2015.

Gli impianti di Quang Ngai pianificano d’espandere altre zone economiche pre-esistenti per attrarre ulteriori cinque milioni di euro in investimenti capitali nella zona industriale, come peraltro hanno confermato gli stessi vertici del top management della Zona Economica provinciale. La Provincia ha appaltato una società di consulting giapponese per revisionare i piani del porto con acque profonde di Dung Quat il cui scopo è quello di sostenere lo sviluppo ulteriore delle aree industriali del settore indotto e nelle aree comprese nella Zona. Una Società di Singapore ha condotto uno studio d’investimenti nella Provincia per valutare la realizzazione di un progetto finalizzato alla strutturazione di un impianto industriale elettrico con un investimento totale di due miliardi di Dollari USA mentre una Società giapponese ha mostrato il suo interesse nel voler realizzare un’industria di acciaio. Tran Dinh Thien, Direttore dell’Istituto Economico di Vientiane ha sottolineato che a Quang Ngai è uno dei luoghi di maggior attrattività nella regione centrale della Nazione, seguita dalla Provincia di Thua Thien Hue mentre Quang Ngai si posiziona come settima nel ranking delle zone vietnamite.

La Provincia di Quang Ngai ha anche il vantaggio di essere dotata di porti con acque profonde e incentivi per investimenti che possono essere considerati fortemente attraenti. Il direttore di una Compagnia che ha deciso di investire in questa Zona Economica ha chiarito che la sua Società ha scelto la Zona Economica Dung Quat per sviluppare il proprio progetto di produrre attrezzature per l’industria pesante specificamente per il comparto elettrico, acqua e trattamenti chimici, poiché la Zona offre condizioni favorevoli nel mettere a disposizione servizi correlati ai porti con acque profonde, esattamente ciò di cui la sua Società ha bisogno. Dung Quat offre anche procedure rapide per lo sdoganamento ed incentivi agli investimenti per le imprese, compresi gli sgravi nella tassazione societaria e in quella individuale. Secondo un altro imprenditore, di una Società in joint venture Singapore-Vietnam anch’egli impegnato in questa Provincia, ha affermato che la sua Società trova nella Provincia in oggetto un luogo ideale per la manifattura dei prodotti che trovano il proprio mercato nel Vietnam del Nord e del Sud, del Laos, nelle Regioni di Nord-Est di Thailandia e Cambogia.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->