venerdì, Ottobre 22

Le folle di Francesco e la folle Italia

0

Il centro. «Dal centro al cerchio, e sì dal cerchio al centro…» movesi l’acqua in un ritondo vaso. Così Dante (Alighieri) spiega la dinamica delle cose umane e divine, con identica dinamica noi cerchiamo di individuare ‘il Punto centrale della giornata politica italiana. Ammesso che nella nostra pazzotica politica effettivamente ci sia. E quanto poi all’interno del ‘cerchio’ succeda. Afferendo, integrandosi, giustapponendosi, opponendosi… In questo caso, e per questo Giovedì 28 luglio 2016, il centro, anzi nella fattispecie il baricentro, si trova al di fuori dei confini nazionali. E sono quelle folle di giovani, e non solo, che stanno attorno a Francesco in Polonia, a Czestochowa. Dalla Giornata Mondiale della Gioventù lui cerca di fornire una prospettiva diversa, politica, sociale, economica, al caos e nel caos che attraversa il Mondo, l’Europa ed epicentralmente l’Italia. Anche quando ci si ostina, dalle nostre parti, a provare a mettere, da struzzi, la testa sotto la sabbia. «Gettate ponti pure a chi potrebbe farci del male» dice Jorge Mario Bergoglio, e non è insopportabile ‘buonismo’ quanto l’indicazione proprio di altre strade. Incontrando sempre più forti resistenze ed ostilità, a volte sorprendenti e inaspettate anche da parte di chi più dovrebbe riuscire a capirne strategia e opportunità. Quanto a quanti, un po’ per dolo, un po’ per colpa, un po’ per superficiale incompetenza e più o meno con il sorriso sulle labbra, fanno ‘legalmente comunque del male a casa nostra… Nel cerchio. Il cerchio brulica di molte, e a volte difficilmente relazionabili vicende.

Renzi continua a riedificare l’Italia, a parole
Le ‘magnifiche sorti, e progressive’ dell’Italia vengono tratteggiate da Matteo Renzi. Attacco, on the road tra Marche e Umbria, alla «folle» linea di austerità dell’Unione Europea. Che ha bloccato lo sviluppo: in passato, ma in realtà parla di ‘allora’ per parlare dell’oggi. Poi in Consiglio dei Ministri decide, o meglio come al solito più che altro annuncia, una corsia veloce per sbloccare le Opere della Pubblica Amministrazione che generino posti di lavoro. E, sempre nel campo, promette aumenti per il personale del settore, i cui contratti «sono fermi da sette anni». Accorpamento della Forestale nell’Arma dei Carabinieri.

Parisi inizia a riedificare l’area berlusconiana, sempre a parole
Stefano Parisi
, già candidato Sindaco a Milano di centrodestra sconfitto davvero per un soffio, continua a spiegare come rifarà il centrodestra medesimo, ricostruirà l’«ala moderata» come più gli piace chiamarla, soccorrerà l’orfano e la vedova… Si mantiene sul generico per la questione di immigrati, zingari ed altre spiacevoli presenze, causa necessità di un qualche, difficilissimo, rapporto con Matteo Salvini e i suoi (più di Salvini che di Parisi) sodali di Fratelli d’Italia.

Monte dei Paschi di Siena
Più o meno realistica divergenza di opinioni tra Renzi ed il Ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan. Venerdì 29 giorno della verità, a fronte del ‘pronunciamento’ europeo con gli ‘stress test’ su cinquanta Istituti. Intanto, in extremis, presenta un proprio piano per MPS anche Corrado Passera, già Amministratore delegato di Intesa Sanpaolo e poi apprendista Ministro (con Mario Monti) e leader politico (in proprio, ma proprio in proprio, visto che non gli ha dato retta quasi nessuno). Le sue erano braccia rubate alla partita doppia, cui evidentemente intende restituirsi. Lo fa con il sostegno di un’altra banca, la svizzera e solidissima Ubs. Chi non muore si rivede, intanto si vedrà se muore o meno MPS. Il ‘Piano Passera’ esalta nuovamente Berlusconi, ma ogni volta che si parla dell’ex manager Silvio equivoca, e non pensa subito che si tratti di economia.

Inps, assunzioni in vista
Tito Boeri
, Presidente dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale annuncia l’assunzione di 900 giovani ed il ridimensionamento dei ‘superdirigenti’. Buone notizie per chi gode, o aspira a godere, della previdenza sociale. Sempre meno.

Comunicazione & informazione
Continuano le polemiche sugli stipendi in Rai. E sul Canone in bolletta della luce. Lite con prospettive di contenzioso giudiziario tra i ‘mancati sposi’ Mediaset e Vivendi. Urbano Cairo chiude l’ultima ‘finestra’ di acquisizione quote RCS, posizionandosi al 59,69%. L’ex amico Diego Della Valle insiste nel continuare a contrastarlo, anche in questo caso con possibili strascichi giudiziari.

Guarda chi si rivede…
Rispunta l’indimenticabile Valter Lavitola, ‘socialistaberlusconianfaccendiere‘ transatlantico, una delle migliori maschere della ‘Commedia dell’Arte’ italiana. Coinvolto nel dossieraggio a favore dell’ex parlamentare campano (ed esponente di Governo nazionale) Nicola Cosentino, Pdl-Forza Italia. L’indagine ha portato anche all’arresto di un Maresciallo capo dei Carabinieri. Qualche rassicurante certezza sull’irrefrenabile operosità degli italiani l’’inarrestabile’ Lavitola ce la fornisce.

Nostalgia
Il David di Michelangelo, gloria artistica dell’Italia, sta anche in copia a San Pietroburgo, Russia. Nudo, come Michelangelo l’ha fatto. Chiede di rivestirlo, perché così mena scandalo, una locale signora. S’ignora, ma fondatamente si suppone, se non sia perché in realtà le ricordi troppo dimenticate felicità.

Sport (si fa per dire)
A una settimana dal via dei XXXI Giochi Olimpici di Rio de Janeiro (5-21 agosto 2016)  continuano le indagini sul doping e le conseguenti, o eventuali, estromissioni. Gravi, naturalmente, solo quelle dei non italiani, anche se continuano a beccare pure i nostri. Ma in questo caso si tratta evidentemente di «complotti» o «casi marginali». Milan ed Inter sulla strada della cessione ai cinesi. Forse. Business as usual.

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->