lunedì, Settembre 27

Le cupe 'bare volanti' field_506ffb1d3dbe2

0

aereo scomparso

Bangkok – Per esser sicuri che la verità nascosta dietro questo tragico incidente si possa determinare al più presto, tutte le parti coinvolte nel conflitto e le altre Nazioni che hanno preso parte alla intera materia, compresa la Russia, dovrebbero cooperare tutte fattivamente con il team di indagine internazionale. Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha unanimemente adottato una risoluzione che condanna l’abbattimento dell’aereo della Malaysian Airlines colpito nell’Ucraina dell’Est la scorsa settimana. La risoluzione chiama tutti gli Stati a cooperare pienamente agli sforzi per far sì che tutti coloro che sono responsabili dell’incidente siano assicurati alla Giustizia e rendano conto delle loro azioni. Nel testo della risoluzione si chiede con risolutezza ai miliziani combattenti pro-Russia di mettere a disposizione degli investigatori internazionali immediatamente «vie di accesso sicure, protette, piene e senza restrizioni al sito» e di «fermarsi da ogni azione che possa compromettere l’integrità della scena dello schianto al suolo».

Nei giorni dopo l’abbattimento dell’aeroplano, i ribelli armati hanno chiaramente interferito con gli sforzi del team di investigatori nominati per effettuare l’esame della scena dell’incidente aereo e di rimuovere i corpi delle vittime. Alcune delle loro azioni sono apparse chiaramente destinate a impedire tale tipo di obbiettivo così come accaduto con la rimozione particolarmente rapida della scatola nera contenente i dati relativi al volo e la registrazione delle comunicazioni tra gli addetti all’aeromobile e tutte le altre sedi preposte al controllo aereo.

Il testo adottato dal Consiglio di Sicurezza fa riferimento ad una domanda di risoluzione favorevole ad un blocco legale e totale di qualsiasi tipo di azione compromissoria da parte di terzi. I miliziani armati pro-Russia hanno accettato la risoluzione ONU ed hanno consegnato a mano le due scatole nere alle Autorità della malaysia. Hanno anche rivisto le loro iniziali decisioni di rifiutarsi di rendere disponibili le salme delle vittime. Anche si di tipo tardivo, si ritiene comnque si tratti di passi svolti nella giusta direzione.

L’Ucraina e gli Stati Uniti hanno fortemente criticato il coinvolgimento diretto dei militari russi nell’incidente, compreso il fatto che abbiano evidentemente fornito i missili terra-aria a favore dei miliziani pro-Russia. Le accuse si basano su prove come le immagini satellitari del lancio dei missili e le conversazioni intercettate o le comunicazioni tra i miliziani dopo l’abbattimento dell’aereo.

La Russia, prima attendista, successivamente ha approvato i contenuti della risoluzione, anche perché gli altri membri del Consiglio di Sicurezza come Gran Bretagna, Francia e Germania sono entrati subito in fase di valutazione dell’adozione ed applicazione di sanzioni contro la Russia ed anche per evitare il montare di sentimenti contro la Russia stessa nell’intera Europa a seguito dell’abbattimento dell’aereo MH17.

La Compagnia aerea Malaysian Airlines, dopo la scomparsa del volo MH317 nell’Oceano Indiano le cui ricerche non sono mai terminate ed i cui esiti stentano a rendersi evidenti e l’abbattimento del volo MH17 sta vivendo una fase molto difficile, sebbene i due contesti –al momento- sono privi di connessioni apparenti. Gli indici di Borsa, però, non hanno bisogno di conoscere gli esiti delle indagini e delle ricerche per svolgersi nel loro altalenare lungo le curve ascendenti e discendenti. E nel caso della Malaysia Airlines sono discendenti in modo estremamente preoccupante.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->