venerdì, Maggio 14

Le conseguenze terribili della strage di Boko Haram I miliziani di Boko Haram non hanno risparmiato neanche donne e bambini nel loro assalto ai villaggi nigeriani

0

Le immagini satellitari del prima e dopo tale distruzione mettono a nudo le conseguenze disastrose sul territorio nigeriano e nei villaggi locali della strage di Boko Haram, portata avanti dai miliziani del gruppo, che durante la loro azione hanno ucciso 2.500 persone.Le distruzioni dei militanti legati all’Islam e quindi anche ad ISIS in Nigeria hanno macellato molte persone con stima di circa 2.500 abitanti nigeriani, tra cui una donna, mentre si trovava in travaglio. Questo fatto della donna che partoriva e della distruzione di Boko Haram in generale è stato rivelato in scioccanti nuove immagini video, come quella che vi mostriamo. Il gruppo terroristico Boko Haram aveva già  indignato il mondo la scorsa settimana quando hanno indiscriminatamente ucciso uomini innocenti, donne e bambini nel loro recente attacco alle città di Baga e Doron Baga. Ora, nuove immagini, ottenute su concessione di Amnesty International locale, mostrano come le città sono state devastate dall’assalto e hanno riportato più di 3.700 strutture tra case e le scuole completamente distrutte. L’attacco dei miliziani è avvenuto a gennaio 2015, ma è stato rivendicato dal gruppo Boko Haram soltanto ieri, forse per analogia con gli attentati di Parigi, ma la stampa italiana già catalizzata sui recenti avvenimenti francesi non gli ha dato il giusto peso.

(tratto dal sito di ‘Daiy Mail Online‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->