martedì, Maggio 18

Le Carré français sceglie Roma Un innovativo concept di gastronomia francese valorizza l’artigianato della tavola

0
1 2


È stata quasi una scommessa quella di ricostruire nel centro di Roma un vero bistrot di gastronomia francese a ciclo continuo, ma per Jill Mahé, l’ideatore del concept di Le Carré Français, in passato editore di un periodico (‘La Cigale‘) specializzato sui temi dell’artigianato, la scelta è stata motivata dalla convergenza di un mix di numerosi fattori positivi.

Secondo Mahé, le aspettative dei consumatori romani in fatto di cucina non saranno deluse, in quanto la tavola è molto importante sia per gli italiani che per i francesi, soprattutto se è basata su ricette curate, ma rigorosamente fatte in casa. Inoltre, Le Carré Français, un locale che si sviluppa su seicento metri quadrati in via Vittoria Colonna, fra il Tevere e piazza Cavour, offrirà un’esperienza di degustazione di prodotti d’oltralpe di alta qualità, ma a un prezzo abbordabile per tutta la famiglia.

La produzione delle baguette con il taglio del rasoio’ (che è uno dei segreti di questo tipo di panificazione e consiste in un metodo speciale che permette all’azoto di fuoriuscire dall’impasto durante la cottura nel forno) inizia alle quattro del mattino, nel piano inferiore del locale, e procede fino a circa le due del pomeriggio; oltre al pane, anche la pasticceria viene prodotta a ciclo continuo, assicurando così una qualità dei prodotti da forno ottimale, sia per il consumo al tavolo, sia per gli acquisti al banco.

Bistrot, pasticceria, panetteria, dunque; ma anche reparto formaggi, burro e macelleria, con enoteca e salsamenteria, per creare un angolo di Francia che a Roma mancava quasi del tutto. L’inaugurazione ufficiale è prevista per l’8 ottobre, ma le opere di ristrutturazione, a cura dello studio di architettura italiano Archea, sono già state completate, e se si considera che fra individuare la location, firmare i contratti, ottenere i permessi e iniziare i lavori, il tutto è partito dal 1° aprile, questi cinque mesi di allestimenti sono proprio volati.

Dietro a questo concept inedito, che ha portato a Roma un investimento di un milione e mezzo di euro, c’è l’associazione tra cinque famosi artigiani francesi e alcuni altri soci, per un totale di dodici partner fondatori. Al progetto partecipano i panettieri Michel Galloyer (fondatore de ‘Le Grenier à Pain, con 29 boulangerie in tutta la Francia, a cui è stata riconosciuta un’alta competenza dal Relais Dessert International, l’associazione che raggruppa i migliori cento artigiani della gastronomia) e Jean-Noël Julien (primo a numerosi concorsi come ad esempio quello della ‘migliore baguette’ di Parigi); l’allevatore e macellaio Alexandre Polmard (le sue carni riforniscono i più rinomati ristoranti stellati del mondo, e con un processo molto particolare d’ibernazione sono quasi praticamente prive di data di scadenza); l’esperto di vini e champagne Axel Rondouin (eletto nel 2013 cantiniere dell’anno dalla Revue du Vin de France) e il mugnaio del ‘Moulin Lecomte’ (un mulino ad acqua nell’Eure) Alexandre Viron (che dopo anni di ricerca ha ‘inventato’ la farina senza additivi ‘Rétrodor’, che serve a produrre le migliori baguette di Francia).

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->