sabato, Ottobre 23

Le bellezze naturali dell’Australia Anche se attualmente non è possibile viaggiare a causa della crisi dovuta al Coronavirus, non fa male sognare di possibili viaggi futuri e fantasticare dei posti da visitare

0

L’Australia viene da molti associata con canguri, koala, spiagge, ragni e il vasto outback, ma ha molto di più da offrire. È il sesto Paese del mondo per estensione e non sorprende, quindi, che vi sono tante cose da fare e vedere. Anche se attualmente non è possibile viaggiare a causa della crisi dovuta al Coronavirus, non fa male sognare di possibili viaggi futuri e fantasticare dei posti da visitare. In questo articolo parliamo di alcune delle bellezze naturali dell’Australia.

Uluru e Kata Tjuta

Molti conoscono l’immagine di Uluru, anche se forse non conoscono il nome. Uluru è una gigantesca formazione rocciosa che si trova al centro dell’Australia ed è una delle attrazioni turistiche più popolari dell’intera Australia, nonché uno dei punti di riferimento naturali più famosi del Paese. Molti turisti visitano Uluru all’alba o al tramonto; a causa del continuo cambiamento dell’angolo di luce, la roccia sembra cambiare colore e al tramonto la roccia irradia un bagliore rosso vivo. La formazione si trova nel parco nazionale Uluru-Kata Tjuta, che nel 1987 è stato inserito nel Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. A distanza di circa 25 chilometri da Ulura si trova un’altra formazione rocciosa: Kata Tjuta, chiamata anche Monte Olga.

Uluru

La Grande barriera corallina e l’isola di Fraser

Un’altra bellezza naturale dell’Australia che è anche stata inserita nel Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO è la Grande barriera corallina, e non senza motivo: si tratta della più grande barriera corallina del mondo. Per gli amanti del mare, la spiaggia e la vita marina, è inoltre una buona idea recarsi alle Isole Whitsunday, un arcipelago di 74 isole che si trovano appena a largo della costa del Queensland, vicino alla Grande barriera corallina. Le Whitsundays sono un vero paradiso di una splendida bellezza con spiagge di sabbia bianca, acqua azzurro. Menzioniamo inoltre l’isola di Fraser, situata al largo della costa orientale australiana. Anche questa isola ha qualcosa di unico: è la più grande isola di sabbia al mondo.

Le Whitsundays 

Parchi nazionali

Il Paese dei canguri e koala ha inoltre vari parchi nazionali che meritano sicuramente una visita. Ad esempio il parco nazionale di Nambung, dove si trova il Pinnacles Desert (il Deserto dei Pinnacoli): un deserto con migliaia di pilastri e aghi di calcare (i Pinnacoli), a volte alti anche cinque metri. Un altro parco nazionale da non perdere è Karijini, dove si trovano gole profonde fino a un centinaio di metri, create da milioni di anni di erosione. Anche il parco nazionale Kakadu vale la pena; il parco è immenso, motivo per cui vi si trova una natura variegata e un paesaggio vario. Oltre a questi, l’Australia ha molti altri parchi nazionali che sono perfetti per chiunque ami la natura.

Tasmania

A 240 chilometri del continente australiano si trova la Tasmania, un’isola con una vegetazione estremamente variegata. Molte specie di flora che si trovano solo qui e l’isola ha una natura selvaggia. L’isola è inoltre l’unico posto dove vive il diavolo della Tasmania. Lungo la costa orientale della Tasmania si trova Maria Island, un’isola dichiarata parco nazionale grazie alla sua ricchissima flora e fauna, che comprende anche molte specie a rischio.

I documenti necessari per un viaggio in Australia

Chi ha intenzione di recarsi in Australia quando sarà nuovamente possibile, dovrà assicurarsi di essere in possesso di tutti i documenti necessari, tra cui il visto Australia. Il visto Australia per turismo (eVisitor) può essere richiesto in modo facile e veloce online. Prima di richiedere il visto, assicurati di soddisfare tutti i requisiti per il visto. Ad esempio, l’ingresso in Australia è consentito solo con un passaporto valido, che deve avere validità residua di almeno sei mesi dalla data di ingresso in Australia. Con un visto Australia si può anche visitare l’isola della Tasmania, a tal fine non è richiesto un altro visto.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->