domenica, Aprile 18

Le antichità del Partenone secondo Hitler

0

Presentiamo la famosa sequenza del film di Leni Riefenstahl ‘Olympia‘(1938) che ha documentato l’apertura delle Olimpiadi di Berlino, altrimenti note come le ‘Olimpiadi naziste’, tenutosi due anni prima. Grazie all’ausilio di una colonna sonora di musica drammatica  una telecamera che si sposta lentamente indugia sulle rovine dell’Acropoli ateniese e sulle più celebri sculture antiche, offerte come ideali di bellezza e abilità artistica, anche in riferimento al nascente concetto di ‘bellezza ariana’. Alla fine, avvolto nella nebbia, vediamo una delle più celebri sculture greche : una statua di un atleta nudo che si curva per prepararsi a lanciare un disco, nota agli studiosi di arte antica come Discobolo di Mirone. La superficie scintillante del bianco del marmo con cui è stato costruita la statua stessa svanisce improvvisamente, al suo posto appare un atleta vivente che si atteggia nella medesima posa. Tale personaggio lentamente comincia a girare avanti e indietro, prima di scagliare il disco con tutte le sue forze. Il messaggio agghiacciante e di propaganda nazista è presentato con tutta l’efficienza poetica che tale famosa regista sa dargli: le glorie della Grecia classica rinascono nella Germania nazista della razza ariana.

(tratto dal sito della ‘BBC‘, tale video è anche su ‘YouTube‘)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->