venerdì, Settembre 17

Le alleanze difensive

0

BangkokL’Indonesia avrà presto una fondazione legale in seguito ad accordi nel settore della Difesa congiunta in contemporanea con Timor Est  e con il Pakistan, si ritiene che la Casa delle Rappresentanze   possa procedere alla ratifica degli accordi che oggi sono in via di stesura con entrambe le altre Nazioni.

La ratifica consentirà all’Indonesia di potenziare l’addestramento militare congiunto. Lo scambio di informazioni nell’ambito dell’Intelligence ed il commercio delle armi con Timor Est e Pakistan.

Il Governo indonesiano ha già avviato tale opera di rafforzamento delle relazioni bilaterali con il Pakistan nel 2010, quando esponenti rappresentanti ufficiali di entrambi i Paesi hanno siglato un accordo di Difesa a Islamabad. Allo stesso tempo, la cooperazione con Timor Est è stata siglata in sede ufficiale nel 2011.

Con la cooperazione di Difesa con il Pakistan, l’Indonesia intende migliorare la propria capacità nell’intercettare eventuali terroristi che ritornino dall’Afghanistan. Per quanto riguarda, invece, Timor Est, l’Indonesia spera di poter meglio collaborare nel campo del controllo dei confini.

«La ratifica di entrambi gli accordi potrà certamente migliorare ulteriormente i nostri legami bilaterali con Timor Est e Pakistan», ha aggiunto il Ministro per la Difesa Ryamizard Ryacudu, in un suo discorso di fronte ai legislatori della Commissione Parlamentare che sovrintende alle tematiche riguardanti la Sicurezza, gli Affari Esteri ed il settore dell’Informazione nella giornata di Martedì scorso.

Il Ministro Ryamizard ha poi aggiunto che entrambe le ratifiche potrebbero creare uno spazio giuridico di azione congiunta dove poter risolvere anche eventuali controversie tra gli Stati direttamente coinvolti, evitando gli arbitrati internazionali se mai dovessero crearsi delle dispute che coinvolgano, appunto, Indonesia, Timor Est o Pakistan.

Tutto si avvierà alla sua naturale chiarezza e completamento, una volta che gli accordi riceveranno la definizione di commissioni congiunte responsabili della identificazione complessiva delle tematiche strategiche per le parti in essere.

Nessuna delle 10 componenti politiche presenti in Commissione ha presentato critiche alla proposta governativa ma la maggioranza ha affermato che vuol essere rassicurata sul fatto che il Governo sia capace di ottimizzare i benefici che ne possono derivare.

Molti tra i legislatori che stanno definendo l’intera materia hanno affermato che –mentre nel caso del Pakistan l’Indonesia trarrà certamente giovamento a causa della preparazione di quella Nazione nell’ambito della sua competenza acquisita nell’ambito della sicurezza- nel caso di Timor Est vi sono minori certezze sulla tipologia dei benefici che l’Indonesia ne potrebbe mai trarre.

«Timor Est trarrà benefici da un addestramento militare congiunto con noi ma non vedo alcun vantaggio che noi si possa trarre poiché noi siamo più sviluppati», ha detto chiaramente Andi Muhammad Ghalib del Partito Unito per lo Sviluppo PPP .

La Commissione della Casa delle Rappresentanze ha anche affermato che il Governo appoggerà la Legge No. 162/2012 sul settore della Difesa che richiede il trasferimento della tecnologia in Indonesia da qualsiasi altra Nazione che speri di costruire legami e relazioni proprio nell’ambito della Difesa con l’Indonesia. «Recependo questa Legge noi avremo l’opportunità di migliorare la nostra tecnologia in ordine a sviluppare eventualmente le nostre stesse armi», ha aggiunto il Presidente della Prima Commissione, Mahfydz Siddiq.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->