venerdì, Aprile 16

Lavoro e fantasia dietro l’Italian food lifestyle

0
1 2


L’Italian food lifestyle  è una delle caratteristiche  che parte del  mondo c’invidia.  Da vari anni ormai la cucina  italiana, nella sua varietà e ricchezza, la dieta mediterranea, le produzioni alimentari del nostro Paese sono andate imponendosi  in larga parte del mondo, non solo occidentale.  Ma c’è food e food, non tutto si colloca sullo stesso piano e accanto alle grandi produzioni ci sono realtà di nicchia, che cercano di farsi strada:  c’è una produzione raffinata, d’eccellenza, per palati fini e tasche un po’ più fornite,  destinata ad un pubblico ristretto, limitato che, però, sembra destinato ad allargarsi,  vincendo resistenze culturali e difficoltà economiche-sociali.

Un piccolo segnale in questa direzione si è potuto cogliere in una manifestazione come PittiTaste, una sorta di Salone del gusto giunto alla dodicesima edizione svoltasi alla Leopolda di Firenze:  crescente il numero di  aziende partecipanti (380 quelle ammesse:  il 12% in più della precedente edizione), aumento di  visitatori  (quasi 20 mila), di buyer e operatori del settore (oltre 5000),  costante la partecipazione  alle degustazioni  dedicate a prodotti specifici (birra, pasta,  vini, olio, spezie carne, tartufo, salumi, dolciumi e molto altro ancora),  ed agli eventi ( libri a tema, dibattiti, momenti vari)  che hanno coinvolto esperti  delle varie discipline, coordinati da quel collega ormai noto astronauta che risponde al nome di Davide Paolini.

Ma, al di là dei numeri,  ciò che ci ha mossi in questo viaggio attraverso  l’Italian life food style, è la curiosità di scoprire cosa c’è dietro tutto questo: e così, saltando da uno stand all’altro, da un settore all’altro, dal Nord al Sud al Centro  del Paese, equamente rappresentato, si sono incrociate persone, esperienze,  competenze e idee spesso  ignote al pubblico dei consumatori, anche a quello più attento e sensibile. “Dietro?  Dietro c’è passione, competenza, fantasia e coraggio, tanto coraggio…” sono le parole di Stefania  che racchiudono l’avventura di una piccola azienda per la produzione di cioccolata fondente al cento  per cento, sorta a Calenzano,  alle porte di Firenze nel 2013, e che ora esporta in vari paesi del mondo.

Siamo  più conosciuti in Germania, Finlandia, Giappone dove siamo sbarcati con grande successo per S.Valentino, che da noi, anche se  siamo già presenti negli scaffali di una grande catena di distribuzione”. Stefania tiene a sottolineare che il loro è un prodotto biologico, senza alterazioni di alcun tipo: “Premesso che da tempo si lodano   le benefiche proprietà di questo prodotto, in particolare l’azione positiva sullo stato d’animo dovuta  alla serotonina e sono altresì noti gli  effetti positivi delle endorfine, ciò che distingue la nostra fonderia è un solido know-how e una grande attenzione all’ambiente ed ai prodotti naturali. La nostra  mission  è  infatti quella  di diffondere la conoscenza del cacao di alta qualità che lavoriamo con alte tecniche di produzione e trattiamo con componenti naturali purissimi quali  zucchero di canna,bacche di goji, quinoa e semi di chia, produciamo tavolette che apportano vitamine ed omega 3. Altro aspetto che ci ha distinti fin dall’inizio della nostra attività, è la gestione dell’intera filiera: dalla produzione alla trasformazione del prodotto, per il quale abbiamo messo a punto 4 diversi livelli di tostatura. Ma è alla fonte, in Ecuador, che avviene la ricerca dei nostri esperti i quali si sono spinti oltre le zone tradizionali (Los Rios, Manabi, El Oro)  fin nelle Valli del fiume Napo o nelle coltivazioni amazzoniche dell’Orellana, per  avere sempre assicurato un prodotto top, poiché ogni stagione ha un gusto diverso, e ogni ceppo arboreo un aroma diverso”.

Il racconto di Stefania ci porta con la fantasia in terre lontane, evocando sudore e fatica delle popolazioni indigene, spesso sottomesse . “Non è come si  potrebbe pensare, il  nostro accordo commerciale si svolge attraverso la rete del Commercio Equo e Solidale, riconoscendo anche premi in denaro ogni tot di prodotto stabilito. Insomma,  siamo consapevoli  di contribuire   alla crescita economica e sociale di quelle  popolazioni, alla quale teniamo.  Dall’ Ecuador  importiamo circa 6 tonnellate l’anno di cacao, ma dovremo aumentare la richiesta”. Il nostro  incontro finisce qui e non ci resta che ammirare le accattivanti confezioni esposte sul banco e  degustare come golosi di cioccolata fondente,  anche  amara, le varie linee proposte, compresa quella  vegana.

Il lettore  ci  scuserà se la gola ha dato la preferenza al cioccolato biologico rispetto al caffè, che è stato invece  il prodotto celebrato in questa edizione di Taste, in quanto bevanda simbolo di aggregazione, di identità culturale e al tempo stesso diversità. Che dalle grandi  piantagioni equatoriali  del Brasile, dell’ Africa, del Sud Est Asiatico ( in particolare Vietnam) raggiunge, attraverso un delicato processo, le tazzine da caffè di tutto il mondo, poiché  il mercato globale si aggira intorno ai 90.000 milioni di dollari. Di questa indispensabile bevanda nera, che la leggenda fa risalire ai tempi di Maometto, si hanno vari modi di tostatura e di preparazione. E qui, a Taste, il caffè è stato descritto e decantato in tutti i suoi aspetti: dalla raccolta alla tostatura, alla preparazione, attraverso mostre fotografiche, installazioni, presentazioni di libri, contest e talk – che hanno acceso i riflettori sui diversi modi di vivere e gustare una delle bevande più amate al mondo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->