domenica, Giugno 13

L'autodifesa spopola in Germania. In arrivo anche in Italia Il boom del mercato dei taser dopo i fatti di Colonia, un fenomeno non solo tedesco

0

In Germania, la paura fomenta paura. La vendita di pistole stordenti (taser) ha subito un brusco aumento, soprattutto dopo le violenze di massa contro le donne nella notte di Capodanno a Colonia. Molte persone si stanno attrezzando con dispositivi in grado di rilasciare una scarica elettrica.

Secondo Andreas Engels, titolare di un’armeria a Francoforte, la ‘corsa alle armi’ era cominciata già prima di Capodanno: “Sì, è cominciato anche prima. La gente non sapeva davvero perché comprava, c’era come una paura diffusa. Ma dopo i fatti di Colonia, c‘è stata una vera esplosione nelle vendite.”

Queste armi ‘discrete’, oltre che in Germania, possono essere acquistate nella Repubblica Ceca, in Polonia, Slovacchia, Francia e, fra poco, anche in Italia.

Uno dei produttori, Brestislav Kostal, proprietario della Euro Security Products con sede a Praga ha dichiarato che la domanda è cresciuta: se prima le richieste di mille pezzi per ordine arrivavano circa un paio di volte al mese, adesso si è passati ad un ritmo settimanale. Questa azienda ceca ha triplicato la produzione: la difesa personale è anche un business.

 

(video tratto dal canale YouTube di Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->