giovedì, Ottobre 28

Laura Boldrini insulta le donne? Punito il ‘populismo rosa’ Si scopre che l’ex ‘Presidenta’ della Camera non ha rispettato le donne e che il suo era solo un ‘populismo rosa’ utilizzato per fare carriera senza contare il danno che ha fatto al vero femminismo e che da queste vicende ne esce umiliato ed indebolito nelle sue giuste battaglie

0

Bisogna sempre stare molto attenti ai puri più puri che poi vengono regolarmente epurati, parafrasando Pietro Nenni.

Una delle supposte ‘più pure’ è sempre stata considerata l’ex ‘Presidenta’ (come ormai la chiamano in molti) della Camera Laura Boldrini ora sommersa e miseramente naufragata dietro agli scandali occorsegli nella gestione di colf e collaboratrici parlamentari.

Ma diciamocelo chiaramente, al di là di chi le si avvicinava furbamente per supporto personale, come Asia Argento, nessuno ci credeva veramente alla purezza dei nobili intenti della pasionaria rossa.

Insomma la retorica nelle sue posizioni la faceva da padrona. Ora si scopre il suo comportamento nei confronti della colf a cui non ha versato la liquidazione da un anno che la chiede e poi nei confronti della sua assistente parlamentare a cui faceva prenotare il parrucchiere e che la doveva aiutare nelle incombenze strettamente personali, come ritirare giacche in lavanderia, andare in farmacia ed altro.

Tutto confermato dalla diretta interessata perché ‘così fan tutte’.

Ma come? Prima tutta la lagna sullo sfruttamento, in cui la Boldrini criticava pure le pubblicità con la donna che serviva a tavola, poi tutta la finta ‘rivoluzione delle parole’ in cui emergevano termini ridicoli come presidentessa, presidenta, sindachessa e similari e lei che ti fa? Strapazza proprio le donne.

Eterogenesi dei fini? Sta di fatto che la fino allora sconosciuta furbacchiona ha fatto un’intera carriera nel suo piccolo orticello pseudo-femminista, ma ha trascurato un punto rilevante. Che sei fai la morale agli altri, poi, per non fare la fine di Robespierre, devi essere ultra integerrima. Ma poi si scopre che la Boldrini non ha rispettato le donne e che il suo era solo un ‘populismo rosa’ utilizzato per fare carriera senza contare il danno che ha fatto al vero femminismo e che da queste vicende ne esce umiliato ed indebolito nelle sue giuste battaglie.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->