venerdì, Aprile 16

L’Audi gialla field_506ffbaa4a8d4

0

Al bar di Mario il geometra Zenone sfoglia il quotidiano davanti a un bel caffè brunito.

Qui scrivono che l’ultimo avvistamento”, dice “l’hanno registrato a Signoressa di Trevignano. Ma possibile che non riescano a prendere questa Audi gialla?”.
Gli hanno sguinzagliato dietro anche due Lamborghini”, abbozza l’Assessore alle Politiche Giovanili Abbozzo “La Polizia Stradale di più non può fare”.
Corbellerie!”, replica Pistozzi, fanatico indipendentista padano che da piccino dava la caccia alle formiche che avevano un’unica colpa: erano nere. “Prima di tutto bisognerebbe accertarsi dell’etnia di questi balordi assassini: rumeni, slavi o calabresi? ”.
A parte la superficialità di questa generalizzazione, ma a che servirebbe?”, obietta il giovane Acido, rapper corrosivo di periferia.
A dar fuoco alla Nazione che caca questi stronzi!”, fa Pistozzi “E altro che Polizia Stradale! Falli cercare ai viticoltori veneti: appena ti acchiappano questi tre babbuini dell’Audi gialla te li spolpano e te li appendono senza viscere nei campi, a far da spaventapasseri ai corvi!”.

Richtig, schwanz!”, conferma il fantasma di Otto Von Bismarck che aleggia sopra i loro capi “Non serve affatto potente macchina! Ai miei tempi mi bastava carro trainato da mio cavallo e piglio marziale da prussiano incazzato! Voi italiani avete piglio da pizzaioli, non spaventate neanche pomodoro, kamm schlampe!”.

Plaude ironicamente l’ateo apolitico atarassico Arturo, agitando ostentatamente la sua copia de ‘Il Fatto Quotidiano’. Non lo legge mai ma quando va al Supermercato la tipa del bancone del pesce gli passa sempre il salmone più bello, purché lui assuma un’espressione intelligente fingendo di scegliere tra un persico e un branzino.

Ma qua è proprio la sagra dell’idiozia! Siete anche voi sostenitori della pagina facebook ‘Tutti sull’Audi gialla?’ ”.
No!”, ruggisce Tano il meccanico “Ho dimenticato la password del mio profilo facebook !”, e scappa via, estraendo dalle tasche nugoli di foglietti in cui sono appuntati codici seriali, keygen di Anonymous e una sequenza numerica inedita di Fibonacci.

Voi lo sapete perché vanno in giro proprio con un’Audi gialla?”.
Perché ricorda il sole?”, prova l’ambientalista Pozzi.
Perché è un colore così di merda che solo rubata poteva uscire in strada ?”, ride, e lo fa solo lui, il provetto comico Sciagura.

Ma te lo sai che con la mia Panda io a questi li avevo già doppiati tutti?”, chiede il vecchietto col bianchino a Mario il barista.

Negher!”, sbotta Pistozzi, pigiando sul bancone e facendo schizzare per aria due copertoni, un radiatore e il bianchino del vecchietto da bar che, per il dolore, schiatta sul colpo “La colpa è sempre e solo dei negher!”.

Quel che accade dopo è ormai abituale consuetudine: la porta del bar viene sfondata da un drone della Polstrada seguita dalla cavalleria rusticana, dalla fanteria messicana e quattro tank tedeschi accolti da un boato di gioia di Otto Von Bismarck. Un artigliere piazza un ordigno sul bancone e ordina a tutti i presenti di nascondersi sotto il bancone. Persino Pistozzi capisce che l’artigliere è un deficiente e cerca di scappare via, ma la bomba detona e pezzi di clienti si smembrano con l’esplosione. Muoiono tutti, salvo Mario che riesce a farsi scudo col corpo del vecchietto e il fantasma di Otto Von Bismarck che esultando ne chiede ancora.

Dal fondo del locale, con calma serafica, si alza Tarocco il cartomante e, togliendosi i calcinacci di dosso, si accende una sigaretta.

E che si fotta Sirchia”, mugugna suggendo come se non vi fosse domani.

Tutt’attorno solo caos e distruzione.

Il geometra Zenone nel frattempo è arrivato tranquillo in fondo al quotidiano, nella sezione dei programmi televisivi.
Per fortuna stasera c’è ‘Uomini e donne Speciale frigide’ ”, dice finendo di sorseggiare il suo caffè.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->