mercoledì, novembre 14

Lastello, la startup che gestisce la comparazione on line dei servizi funebri In attività da due anni, Lastello è il primo comparatore italiano di funerali e onoranze funebri. In soli 5 click consente di confrontare facilmente prezzi e servizi

0

Il settore delle funeral home ha visto crescere anche in Italia una startup di successoPresente in rete da due anni, Lastello.it è la prima piattaforma italiana on line dedicata ai servizi funebri.

Chi ha fatto della facile ironia nel giudicare iniziative come questa, o si è prodigato in battute scaramantiche considerando che quello dei funerali è un argomento del quale si ha poca voglia di parlare, oggi si è dovuto ricredere.

Le iniziative imprenditoriali che coinvolgono l’universo funerario si sono moltiplicate nel mondo, affrontando il tema della morte in maniera nuova, soprattutto dal punto di vista tecnologico. Le start up di settore hanno raccolto grande interesse e oggi, come rendo noto AngelList, il famoso sito dedicato agli investimenti sulle startup,  nel mondo operano oltre 100 funeral startup, con quote maggiori negli Stati Uniti.

Nessuno di noi è invogliato a parlare di un argomento come il fine vita e francamente investire su startup attinenti non era certo considerato un gesto di tendenza. Ma chi lo ha pensato ha dovuto invertire la rotta, oggi infatti sono molti i finanziatori che hanno intuito le potenzialità di questo mercato, e lo guardano con occhi diversi.

Lastello quando la startup diventa un successo

Oggi ad operare nel settore funerario sono startup di vario tipo. C’è chi si occupa delle ultime volontà di una persona e cura le disposizioni sul fine vita, altre che gestiscono la cremazione e le ceneri ed altre ancora che curano la sepoltura in aree verdi.

Fra le più diffuse troviamo però le startup che offrono un servizio online di informazioni sulle pompe funebri, e come Lastello si propongono in veste di comparatore di funerali e onoranze funebri, e permettono in pochi click di confrontare prezzi e servizi.

Fondendo due termini inglesi come Last e Hello, ovvero ultimo e saluto,  Gianluca Tursi e Riccardo Pirrone hanno scelto il nome con cui identificare la loro startup, strutturata per offrire un valido supporto ai parenti dei defunti in un momento così difficile come la scomparsa di una persona cara.

Lastello permette a chi deve organizzare il funerale di scegliere il servizio più adatto alle proprie esigenze, potendo agevolmente considerare il prezzo degli articoli funerari e la qualità delle agenzie iscritte al comparatore.

Come funziona Lastello.it?

Chi sceglie di consultare il portale scopre che in soli 5 click può apprendere le informazioni necessarie, scoprendo quante agenzie operano nella zona circostante e quali sono i costi che è indispensabile affrontare per organizzare il funerale che si desidera.

Lastello, che è possibile consultare dal computer ma è ottimizzato anche per smartphone, permette di scorrere agevolmente le varie sezioni e mette in bella mostra tutte le soluzioni e gli articoli funerari fra i quali scegliere quelli più adeguati.

Per richiedere un preventivo è necessario prendere tutta una serie di decisioni optando per il tipo di cassa, il carro funebre, i fiori, l’urna, la lapide, scelte a supporto delle quali il sito mette a disposizione immagini e tutta una serie di informazioni sul servizio offerto.

Selezionati i dettagli Lastello offre una schermata riepilogativa, sottolineando quali agenzie operano nella zona prescelta e il miglior prezzo, appuntando quali servizi gratuiti risultano inclusi. Se il preventivo non convince, oppure si intende scegliere articoli diversi più o meno convenienti, nessun problema è possibile chiedere un nuovo preventivo con indicazioni alternative.

Trovata la soluzione adeguata non resta che valutare gli articoli scelti direttamente in agenzia.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore