domenica, Ottobre 24

L’Asia del Sud in preda ai monsoni Le autorità parlano di centinaia di migliaia di sfollati e almeno 1200 morti

0

Sale il bilancio delle vittime di inondazioni e frane, causate dalla stagione dei monsoni, che da metà agosto stanno mettendo in ginocchio l’Asia. In particolare ad essere colpite sono India, Nepal e Bangladesh. Le autorità parlano di centinaia di migliaia di sfollati e almeno 1200 morti.

In particolare nelle ultime ore le forti piogge dovute ai monsoni hanno colpito Mumbai, la capitale finanziaria dell’India, e hanno ucciso almeno 14 persone e hanno inondato diverse parti della città, paralizzando le strade e bloccando il sistema ferroviario. I meteorologi prevedono che le precipitazioni continueranno ancora nelle prossime 24 ore e hanno invitato i residenti di Mumbai a restare a casa se possibile.

Soltanto in India sono morte oltre 817 persone, in particolare negli stati settentrionali e nord orientali della federazione. Almeno altre 144 persone sono morte per le inondazioni in Bangladesh e 159 in Nepal.

E intanto la situazione, creatasi con questi monsoni, si fa sempre più seria: cresce l’inquietudine per la mancanza di viveri e le malattie dovute alla contaminazione dell’acqua potabile. In Nepal circa un quinto dei 28 milioni di abitanti è stato colpito dalle alluvioni, che secondo le Nazioni Unite sono le peggiori degli ultimi 15 anni.

(video tratto dal canale Youtube del Telegraph)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->