giovedì, Luglio 29

L’Artigianato fra tradizione e futuro ecotech

0
1 2


Fa un effetto curioso, straniante, imbattersi in due dromedari che si muovono dentro un sorta di villaggio marocchino, con tanto di cucina, ristorante, sala da tè, tappeti all’hennè, a pochi passi da una Buick anni ’50, mentre un po’ più in là uno scultore,  alla maniera di Michelangelo,  estrae colpo su colpo da un masso di pietra figure  umane e intanto  i giocolieri intrattengono il pubblico dei visitatori. Non siamo a Cinecittà, dove si girano contemporaneamente scene di film diversi, ma nella piazza interna alla Medicea Fortezza da Basso di Firenze, che ospita la 81ª Mostra Internazionale dell’Artigianato. Una Rassegna che, ancora una volta, offre una vetrina di ciò che è il lavoro artigiano nel mondo, uno spaccato della creatività umana, dai tempi più remoti ai nostri giorni e, speriamo anche in futuro, poiché sembra dire questa Rassegna, non c’è tecnologia che possa sostituire la fantasia, l’inventiva  e la manualità del lavoro umano. Anzi, devono coesistere e nutrirsi l’uno dell’altra, tradizione e  nuove tecnologie. Questa è la scommessa.

Oltre ai  prodotti dell’artigianato italiano rappresentato da  800 aziende espositrici, che sono una conferma  della tradizione artigianale e artistica, nonché enogastronomica delle nostre regioni, dall’Alto Adige alla Sicilia ( un intero spazio è dedicato al cibo,  con degustazioni di caffè, tè, birre artigianali e vini di qualità, nonché un confronto fra chef con le Delizie di Leonardo Romanelli), il visitatore  può davvero compiere, di buon passo,  il giro del mondo in 8 ore, in quanto ben 50 nazioni sono presenti nel padiglione a loro riservato. Qui,  è come trovarsi immersi in un gran Bazar,  in cui i colori, gli odori, le immagini, gli oggetti ricordo o di abbigliamento e gli accessori dei singoli Paesi,  si mescolano e si confondono quasi a volerci  a ricordare che – lo scriveva quasi  sessant’anni fa, Marshall Mc Luhan –  viviamo in un Global Village, nel quale local e global devono coesistere. E qui, in quest’area nel cuore di Firenze, la convivenza fra etnie, storie, culture e tradizioni diverse, è  vissuta con speranza e spirito solidale. Quello della variegata comunità artigiana che ha comunque comuni radici, indipendentemente dai luoghi è cresciuta. Qui possiamo trovare  le maschere, le sculture in legno, i berretti, i monili dei Paesi africani, come gli abiti dagli sgargianti colori del Brasile, della Colombia o di Cuba e Guatemala, ma anche i prodotti tipici dell’artigianato dell’estremo Oriente, Singapore, Thailandia, Vietnam, India, Indonesia, dei Paesi del Medio  Oriente, Egitto, Turchia, e perfino della martoriata Siria. Massiccia, la presenza di tutti i Paesi d’Europa, compresi  Russia, Ucraina, Uzbekistan.

E’ importante, osserva il Presidente di Firenze Fiera Alessandro Castellano, “che  in momenti difficili,   manifestazioni come queste siano occasioni di convivenza e di condivisione  dal basso, dal versante di chi lavora duramente e cerca di far conoscere e commercializzare a costo di notevoli sacrifici (anche economici) il risultato della propria fatica e del proprio lavoro creativo. Firenze è città della pace e iniziative come questa tendono a consolidarla.

La prima riflessione è che in molti casi il confine fra artigianato ed arte appare molto sottile, aleatorio: come nel caso della scultura citata all’inizio o di altre qui esposte, siamo in presenza di piccoli capolavori artistici. Del resto, ce lo ricordano anche  alcuni stand espositivi all’interno del Padiglione Cavaniglia che ospita le Eccellenze della creatività artigianale, non a caso chiamato Visioni. Sono quelli delle nostre scuole d’eccellenza e università presenti per la prima volta alla Rassegna:  tra questi, da segnalare quello dell’Isia di Firenze (Istituto Superiore Industrie artistiche), Scuola di alta formazione di progettazione e design  di livello universitario che presenta alcuni prototipi di oggetti d’uso ( dai calici di cristallo, ai frullatori, all’ idrovolante ultraleggero ) progettati dagli studenti;

Già durante i nostri corsi di studio“, ci dicono gli studenti che si alternano allo stand, “possiamo collaborare con le aziende che necessitano di  giovani designer  e progettisti“; nello stand  del Liceo Artistico di Porta Romana,  insieme ai busti in gesso, tradizione della eccezionale gipsoteca della Scuola che ha avuto tra le sue figure più illustri l’architetto Giò Ponti e  lo scultore Libero Andreotti), troviamo esposti manichini  rivestiti  con abiti di fantasia, segno di specializzazione nel campo della moda: “L’arte e la tradizione, ci dicono i due studenti, “unite alle moderne tecnologie innovative creano una realtà di grandi sinergie per un mercato che chiede creatività e impegno.

Anche in questo caso si guarda al futuro. E altrettanto fanno altre istituzioni scolastiche come la Facoltà di Architettura di Firenze e il Laba, scuola di belle arti privata. Del resto, in quello stesso padiglione troviamo prodotti di alta qualità e innovazione, sia nel design che nei materiali usati: se l’artigiano Paolo Penko si richiama alla più alta tradizione di arte orafa fiorentina (quella di un  Benvenuto Cellini tanto per intendersi),  non a caso a lui si rivolge il Museo dell’Opera del Duomo per il restauro di oggetti d’arte sacra, una giovane artista romana, Martina, corsi di scenografia  e architettura alle spalle, realizza collane e accessori vari  utilizzando una rara fibra vegetale, leggerissima e anallergica, che cresce solo in una regione del Brasile e dal colore naturale dell’oro, il cui nome è, appunto, Capim Dourado. Le  sue possono definirsi creazioni in stile eco-chic. La tendenza ad orientare la produzione artigianale verso oggetti ecologici, è un altro elemento distintivo di questa Rassegna.  Che per la prima volta dedica un padiglione all’eco-design posto nell’area T-Riciclo Green Market. Segno che questa creatività artigiana tende anche ad orientare i gusti e la domanda.

Qui s’incontrano artigiani che lavorano esclusivamente su materiali ecologici, i cui oggetti di arredo sono in legno (spesso tronchi  sbattuti sulle spiagge  dai mari in tempesta, recuperati e trasformati in opere d’arte), in cotone e lana che diventano abiti e berretti multiuso. Notiamo in questi padiglioni e anche altrove, l’uso sempre più diffuso di materiali tecnologici eco-compatibili. Vicino  a questo padiglione vi è  quello dedicato al Vintage che è un  invito al recupero, al riuso di accessori di qualità  griffati, un rifiuto dell’usa e getta e dello scarto. Insomma, un segnale forte, che suscita crescente interesse.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->