domenica, Luglio 25

L'arte dei graffiti nel distretto della spazzatura del Cairo

0
1 2


Un progetto artistico che ha fatto il giro del mondo. Un’opera che coniuga la tradizione araba della calligrafia con l’arte moderna dei graffiti. Un’iniziativa non solo artistica ma anche sociale che ha coinvolto l’intera comunità di un quartiere popolare alla periferia sudorientale del Cairo. ‘Perception‘ dell’artista francotunisino eL Seed è tutto questo.

 

[Qui sotto il video ripreso con un drone del quartiere di Zaraeeb e dell’opera terminata]

 

eL Seed, nato nel 1981 a Le Chesnay, un sobborgo occidentale di Parigi, da genitori tunisini, si autodefinisce un artista ‘calligraffiti’ perché, appunto, coniuga l’arte dei graffiti, appresa per le strade della capitale francese, con la più classica tradizione calligrafica araba.
È un artista innovativo che si è guadagnato fama mondiale e mostre nelle capitali europee e di tutto il mondo.

La sua opera più controversa è forse quella impressa nel 2012 sul minareto della moschea di Jara, a Gabès, nel sud della Tunisia, approvata sia dal Governatore di Gabès che dall’Imam della moschea, che sottolinea l’importanza del reciproco rispetto e della convivenza, e lancia un messaggio di unità in un momento di tensione, citando un verso del Corano: «O uomini, vi abbiamo creato da un uomo e da una donna e abbiamo fatto di voi popoli vari e tribù affinché vi conosceste» (Sura XLIX, versetto 13).

Moschea Jara Gabès Tunisia eL Seed

Il minareto della moschea di Jara a Gabès (Tunisia) dipinto da eL Seed nel 2012

Un anno dopo, nel 2013, l’Autorità per i musei del Qatar ha invitato l’artista a dipingere i tunnel di Salwa Road, a Doha. In quell’occasione eL Seed chiese l’aiuto della comunità artistica locale e insieme produssero 52 opere individuali.

Ma il suo ultimo progetto ha riscosso un enorme successo ed è importante anche alla luce della situazione odierna in Egitto, un Paese dove la libertà di espressione è severamente ridotta e gli spazi dedicati all’arte e alla creatività subiscono continui attacchi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->