domenica, Settembre 26

Laos: sviluppo dei trasporti per un’economia più fiorente il Laos è tra quei Paesi che potrebbero beneficiare maggiormente di una maggiore integrazione nell'ambito della Comunità Economica dell'ASEAN

0

La Repubblica Popolare Democratica del Laos ha appena finito di ospitare la riunione dei Ministri degli Esteri dei 10 paesi ASEAN (Associazione delle Nazioni del Sudest Asiatico). Nonostante la forte crescita economica media di quasi otto per cento all’anno negli ultimi dieci anni, rimane uno dei paesi meno sviluppati della regione asiatica e uno dei paesi più poveri della Terra. E’ anche l‘unico Paese senza sbocco sul mare dell’ASEAN: confina con il Myanmar, la Cambogia, la Thailandia, il Vietnam e la Cina.

Mentre quella posizione geografica presenta sfide, è anche un’occasione per potersi trasformare da terra senza sbocco a Paese di collegamento, cosa che il poco esteso sistema ferroviario al momento non consente. Infatti, l’unico collegamento con i Paesi confinanti è una breve linea ferroviaria che collega il confine thailandese alla periferia della capitale di Laos, Vientiane. Per questo la Cina ha in progetto un programma di aiuto per la costruzione di un collegamento ferroviario veloce che vada dalla provincia cinese di Yunnan a Vientiane. La nuova linea ferroviaria collegherà così la Cina alla Thailandia attraverso il Laos e creerà collegamenti con la Malesia e Singapore. Questo permetterà di migliorare enormemente i collegamenti del Paese e di sviluppare il suo potenziale economico, aumentando gli scambi transfrontalieri con i suoi cinque Paesi vicini e incrementando il numero di turisti.     

Data la sua posizione, il Laos è tra quei Paesi che potrebbero beneficiare maggiormente di una maggiore integrazione nell’ambito della Comunità Economica dell’ASEAN. Ma l’integrazione porta anche più richieste e più concorrenza, per i quali il Laos è mal preparato. Infatti, attualmente il Paese è quasi totalmente dipendente dai vicini Paesi ASEAN: l’80 per cento degli investimenti arriva proprio da loro. Per di più necessita del commercio e degli investimenti della Cina. Inoltre, il Laos ha bisogno di continuare ad investire nelle sue infrastrutture: deve migliorare le sue strade, l’elettricità e le telecomunicazioni e, infine, deve aggiornare le competenze dei suoi abitanti al fine di poter trarre pieno vantaggio della sua favorevole posizione centrale.

 

 

(video tratto dal canale YouTube di CCTV News)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->