sabato, Settembre 18

L'anno nero dell'Europa e il Santo Graal della Siria field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


Il 2015 è stato testimone di un’escalation di violenza che ha investito anche il mondo Occidentale. Un macabro scenario internazionale, caratterizzato soprattutto dalla necessità di contrastare lo Stato Islamico, sempre più agguerrito e forte.

Il 7 gennaio 2015 due uomini armati di kalashnikov hanno attaccato la sede del giornale satirico Charlie Hebdo durante la riunione di redazione, uccidendo 12 persone tra cui il direttore Stéphane Charbonnier. L’indomani, Amedy Coulibaly, uno degli attentatori, ha ucciso una poliziotta e, poi il giorno seguente si è barricato in un supermercato kosher a Porte de Vincennes e ha preso in ostaggio alcune persone, uccidendone quattro. Nello stesso giorno i fratelli Kouachi sono stati uccisi durante l’irruzione nella tipografia presso la quale si erano barricati dopo un conflitto a fuoco in una cittadina vicino Parigi. Coulibaly, invece, è stato ucciso, a Porte de Vincennes, portando così a 20 il totale dei morti.

Un mese dopo tre militari di guardia a un palazzo di Nizza, che ospita diverse istituzioni ebraiche, sono stati aggrediti con un coltello da un francese di origine africana. In agosto un 26enne marocchino, armato di kalashnikov, ha aperto il fuoco sul treno TVG partito da Amsterdam e diretto a Parigi, ma è stato fermato da soldati americani e inglesi fuori servizio.

Il 13 Novembre diversi attacchi coordinati hanno gettato di nuovo Parigi nel caos, imponendo una risposta europea contro il terrorismo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->