lunedì, Ottobre 25

L’anno che sta arrivando… … e quello trascorso

0

E così se ne sta velocemente andando, tutto è soggettivo ma in qualche modo anche oggettivo, questo 2015 avventurosamente trascorso nel nostro fantastico Strapaese delle meraviglie.

Fantastico in tutti i sensi. Ché sembra di fantasia quel che vi succede, e fantasioso il racconto che passo passo, ogni Venerdì dal 24 Luglio 2015, ne andiamo facendo con l’appuntamento di ‘Strapaese delle meraviglie’. Avevamo esordito con due puntate in sequenza: Cosa abbiamo fatto per meritarceli? e Cosa abbiamo fatto per meritarceli. Cosa abbiamo fatto per meritarci, e ‘maritarci’, con fisiologici non mantenitori della parola, cosa abbiamo fatto per meritarci un ‘rapido’ Presidente del Consiglio che del suo omologo arcoriano molto ha conservato, anzi paradossalmente ‘migliorato’. Si fa per dire. Cosa abbiamo fatto per meritarci i piccoli e grandi ‘Gelli’ che, uscito definitivamente di scena l’originale, allignano e prosperano. Cosa abbiamo fatto per meritarci una dissennata gestione economica dalla quale non riusciamo ad uscire, ché cominciare a superarla davvero comporterebbe mettere mano a zone di interesse, e specifici interessi, evidentemente non realmente toccabili. Cosa abbiamo fatto per… Ciascuno aggiunga pure di suo.

Approfittiamo del fatto che, causa festivi e vacanze, ci ritroveremo su ‘L’Indro’ con l’appuntamento di ‘Strapaese’ solo Venerdì 8 Gennaio 2016, e proviamo, tirata qualche somma dell’anno che sta passando, ad anticipare quello che verrà. La grossa novità è che, pur essendo ormai quasi finito l’anno vecchio, più di una cosa ancora qui non va. Si esce poco la sera compreso quando è festa, e c’è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestra, magari per paura degli extracomunitari o dello Stato Islamico. E si sta senza parlare per intere settimane, così a quelli che non hanno niente da dire, del tempo ne rimane. Ma le televisioni, a reti quasi unificate, hanno detto che il nuovo anno porterà grandi trasformazioni, tutti quanti stiamo già aspettando.

Il Presidente del Consiglio, quello nuovo, il fiorentino (non solo di nascita), fa promesse ancor più mirabolanti del suo ‘babbino’ predecessore, Geppetto (o, forse, a giudicare da quella ‘cosa’ che ha in testa, è Mastro Ciliegia): ha annunciato che sarà tre volte Natale, e festa tutto il giorno, ogni ‘Cristo’ scenderà dalla croce, anche gli uccelli faranno ritorno. Ci sarà da mangiare e luce tutto l’anno, anche i muti potranno parlare, mentre i sordi già lo fanno. Si farà l’amore ognuno come gli va, anche i froci potranno sposarsi, ma soltanto a una certa età (però questo è già da un bel po’ che lo promettono, e in tanti, poi…). Forse, senza grandi disturbi, qualcuno sparirà, saranno i troppo furbi, e i cretini di ogni età. Ma non c’è troppo da contarci.

Concludendo, c’è da essere contenti di essere qui, proprio in questo momento. L’alternativa è non esserci, e il non essere, che sicuramente è peggio, ma lasciamo Martin Heidegger a se stesso. Comunque, ancora, guarda un po’ cosa ci si deve inventare per poterci ridere sopra, e continuare a sperare. E se anche l’anno che sta per incominciare passasse in un istante, come questo in via di conclusione, a maggior ragione diventa importante, in questo istante, esserci. L’anno che sta arrivando, tra un anno passerà. E visto che di quel che è successo e succede siamo noi i più responsabili, avendo fatto di tutto per meritarcelo, e meritarci questi protagonisti, anche potendo e volendo cambiare le cose ma non facendolo per ignavia o (supposto) personale interesse, può essere che finalmente ci stiamo preparando, e magari l’anno che verrà… Sarebbe l’unica, vera ed auspicabile, novità. Intanto grazie anche all’amico Lucio Dalla per l’aiuto.

 

E, dunque, ricapitolando questo Dicembre 2015

da Lunedì 14 a Venerdì 18

Lunedì 14

 

Martedì 15

‘Addio’ a Licio Gelli, Gran Maestro Venerabile della Loggia Propaganda 2, in sintesi P2. Nato a Pistoia il 21 Aprile 1919, morto (forse) il 15 Dicembre 2015, abbondantemente novantaseienne, nella ‘sua’ Arezzo. Partendo dalla propria piccola attività imprenditoriale costruì un ramificato sistema di potere ed influenza. Il 17 marzo 1981 i giudici Gherardo Colombo e Giuliano Turone, nell’ambito di una loro inchiesta, portarono alla luce Liste e Documenti della P2. Il resto, più o meno, di conseguenza. E, comunque, siamo ancora qui a parlarne come di una questione aperta. Quale pienamente è, seppur con altri nomi, ed altri, ancor più pericolosi, protagonisti.

Mercoledì 16

Alla trentunesima votazione, finalmente il Parlamento in seduta comune elegge i tre Giudici Costituzionali mancanti: era dal 2014 che via via si liberavano ‘posti’ non riempiti.

Giovedì 17

Venerdì 18

Respinta la sfiducia individuale (causa Banche e padre) richiesta per la ‘Madonna’ renziana, Maria Elena Boschi, Ministro per le Riforme Costituzionali ed i Rapporti con il Parlamento.

E poi

Sabato 19 e Domenica 20

Vediamo…

E la prossima settimana

da Lunedì 21 a Domenica 27

Vediamo…

E quella successiva

da Lunedì 28 Dicembre 2015 a Domenica 3 Gennaio 2016

Vediamo…

E poi, ancora,

da Lunedì 4 a Domenica 10 Gennaio 2016

(ché, da ora, lo ‘Strapaese delle meraviglie’ de ‘L’Indro’ torna Venerdì 8 Gennaio, del 2016 appunto)

Vedremo… E quando ci ritroveremo ne avremo da raccontare.

 

Ed ecco trascorrere anche questo Dicembre. E questo 2015. Non torneranno mai più, così intanto godiamoceli. Che fortuna. Intanto salutiamoci. Purtroppo. Per ritrovarci. Per fortuna. Nel 2016.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->