mercoledì, Ottobre 27

L’Alleanza USA-Pakistan

0

Daniel Feldman Pakistan Usa

Bangkok – Il delegato speciale degli Stati Uniti per l’Afghanistan e il Pakistan, Daniel Feldman, ha affermato martedì scorso che i legami tra Pakistan e Stati Uniti stanno sempre più trasformandosi da forme di sostegno da parte degli Stati Uniti allo scopo di aiutare il Pakistan a forme di cooperazione di tipo commerciale.

Parlando ad un gruppo di giornalisti convenuti nella sede dell’Ambasciata USA, ha illustrato la estensione dei contenuti della legislazione Kerry-Lugar sotto la quale Washington ha fornito circa 5 miliardi di Dollari USA in assistenza civile a favore del Pakistan negli ultimi cinque anni. La autorizzazione Kerry-Lugar era prevista per una base temporale pari ad un quinquennio ed in effetti non prevedeva forme di estensione della applicazione dei criteri contenuti.

L’inviato speciale, in ogni caso, ha affermato che gli Stati Uniti stanno tentando di evitare un «declino precipitoso» dei fondi di assistenza a favore del Pakistan e l’esecutivo continuerà a chiedere lumi in merito al Congresso nella direzione della sua eventuale estensione d’applicazione.

All’interno della legislazione messa in atto dal Congresso nel 2009, gli Stati Uniti si definiva che avrebbero stanziato 7.5 miliardi di Dollari USA in aiuti di tipo non-militare per un arco di tempo di cinque anni per aiutare il governo locale a fornire i servizi essenziali. Ma durante i cinque anni appena descritti solo 5 miliardi di Dollari saranno effettivamente collocati e destinati agli scopi previsti.

Sebbene Feldman non abbia fatto una specifica lista dei passi da intraprendere per procedere alla trasformazione ed implementazione delle relazioni tra USA e Pakistan, il cenno principale è stato fatto a proposito del miglioramento della partnership attraverso la via del potenziamento delle relazioni commerciali. «Gli Stati Uniti sono già il maggior partner commerciale e fonte dei più grandi investimenti esteri. Espandere il commercio e gli investimenti richiederà che il Pakistan migliori anche il suo grado di competitività e questo io credo potrà essere un aspetto ed una meta che possiamo conseguire insieme», ha aggiunto il delegato USA.

Le relazioni interpersonali saranno incentivate sulla base di progetti futuri da concordare insieme. Circa le relazioni del Pakistan con l’Afghanistan, l’inviato USA ha fatto notare che il cambio della guardia nel Governo afghano ha reso possibile una rimarchevole ed unica opportunità per la stabilità regionale. Feldmann, che ha avuto una serie di incontri presso l’Ufficio Esteri ed i Quartieri Generali nella prima mattinata, ha chiesto a tutti gli operatori istituzionali di immaginare nuove opportunità fruttuose per tutte le parti in essere.

Il limitare i movimenti dei terroristi su entrambi i lati dei confini potrebbe richiedere ulteriori sforzi in termini di implementazione del dialogo tra i due Paesi, Islamabad e Kabul, e tutto ciò deve essere perseguito attraverso tutti i canali disponibili, compreso quello del linguaggio militare e dei servizi di intelligence. «Bisogna fare ancora molto da questo punto di vista», ha aggiunto il delegato USA.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->