venerdì, Aprile 23

La vita al confine della Zona Demilitarizzata Coreana

0

All’estremo sud della Corea del Sud c’è Jung Myeon, un piccolo villaggio di campagna sperduto lungo uno dei confini più pesantemente militarizzati al mondo. La Corea del Nord è infatti a poche miglia di distanza e ogni giorno le sue attività militari rischiano di diventare un vero e proprio atto di guerra.

Siamo nella cosiddetta Zona Demilitarizzata Coreana (ZDC) dove, a dispetto del nome, si trova la linea di confine militarizzata che separa la Corea del Sud dal suo poco gradito paese confinante. Il piccolo villaggio rappresenta per la Corea del Sud l’essere costantemente preparati a un attacco.

«Il governo ha disposto per i 210 abitanti del villaggio due bunker sotterranei», dice la reporter della CNN, Kyung Lah. I negozi hanno poche derrate che nessuno compra. La vita se ne è andata, e quella che rimane è molto dura: «Sento ‘bum-bum’ tutto il tempo», dice l’anziana proprietaria di un negozio.

C’è poi il bunker predisposto in caso di evacuazioni vere e proprie. Finora è successo solo una volta, quando ci fu uno scambio di colpi tra i due Paesi a metà agosto di quest’anno. «Il governo assicura che questo bunker può sostenere un attacco diretto da parte dei nord coreani». Quella volta gli abitanti vissero lì dentro per cinque giorni.

Quando la reporter chiede a un abitante perché ostinarsi a vivere in un posto del genere, l’uomo risponde «non sono ansioso e poi restare qui è un modo per proteggere il mio villaggio».

(tratto dalla sezione ‘Video’ del sito della ‘CNN’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->