domenica, Novembre 28

Italia: l’UE vuole vederci chiaro sugli accordi italiani con la Libia L' intervista a Natalino Ronzitti, professore di Diritto internazionale presso l'università Luiss, consigliere scientifico dello IAI e membro dell’Institut de droit international.

0
1 2


L’Unione Europea, dal suo canto, cosa propone invece e cosa sta realmente facendo in merito alla questione migranti?

L’UE propone la stabilizzazione della Libia, in particolar modo per quanto riguarda i rifugiati. L’UE propone un aiuto alla Libia allo scopo di poter consentire alle organizzazioni umanitarie ufficiali di poter operare in Libia. E possiamo dire che quanto proposto risulta essere meritorio e positivo.

Secondo me, è molto importante anche l’operazione che l’UE sta conducendo a largo della Libia contro il traffico illegale di migranti e contro anche il traffico di armi. Si tratta di operazioni molto importanti. Lo dimostra, ad esempio, il fatto che ora c’è la possibilità di fermare una nave senza il consenso dello Stato della bandiera. Una volta richiesto il suo consenso, se lo Stato non lo concede passato un certo periodo – credo entro quattro ore -,  la nave può essere ugualmente fermata. Questa, secondo me, è un’operazione del tutto positiva nel contesto analizzato.

Cosa sta facendo concretamente l’Italia con il suo Ministro dell’Interno, Marco Minniti, in Libia per salvaguardare i dritti umani e, allo stesso tempo, impedire il traffico di migranti?

Stanno addestrando la guardia costiera libica. Vi è, inoltre, l’invito alle HCR affinché si insedio in Libia e gestiscano direttamente i campi di rifugiati, in quanto sappiamo – ovviamente – che le condizioni in Libia non siano esemplari dal punto di vista dei diritti umani. Allo stesso tempo, l’Italia sta aiutando il Paese nel controllo delle frontiere a sud – provvedimento stabilito già con l’accordo del 2008 -, in quanto i migranti provengono dal Niger, o da altri Paesi a sud del Sahara.

Quindi, secondo lei, questa politica sta gestendo il traffico di migranti e allo stesso tempo salvaguardando i diritti umanitari?

Dovrebbe salvaguardare anche i diritti umani. A mio parere vi è un’importante questione che, ad oggi, si fatica a capire. La Convenzione dei rifugiati del 1951 si riferiva alle singole singole che fuggivano dalla guerra o da Stati in cui erano sottoposti a determinati trattamenti. A mio avviso, oggi, tutto questo discorso va ripensato anche nel quadro delle Nazioni Unite. In tema migrazioni illegali tutti concentrano la loro attenzione sull’Europa, dimenticando invece che si tratta di un fenomeno mondiale.Lo scorso anno  in occasione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite – proprio all’inizio –  fu adottata una dichiarazione sull’immigrazione sulle masse di migranti e di rifugiati. Tutt’ora le Nazioni Unite stanno portando avanti questo discorso, naturalmente con la collaborazione dei singoli Stati, con lo scopo di adottare un trattato internazionale, una sorta di patto sui diritti dei migranti, quindi una Convenzione internazionale giuridicamente vincolante.  Stiamo parlando, infatti, di un fenomeno – migrazioni – dalle dimensioni davvero importanti. A tal proposito sono onorato di essere membro dell’Institut de droit international – Istituto di diritto internazionale. Durante la nostra ultima sessione tenutasi i primi di settembre di questo anno in India, è stata proprio adottata una risoluzione in materia, il cui oggetto non consistenza tanto nei rifugiati, quanto nelle migrazioni di massa. Una di queste disposizioni (non sono atti giuridicamente vincolanti, in quanto tratta di un’associazione di studiosi) ha per oggetto il fatto che non dovrebbe essere impedito il transito di migranti all’interno di un territorio, salvo però motivi di ordine pubblico e così via. Il discorso dei migranti, oggi, deve essere disciplinato e i vecchi strumenti non bastano più. Bisogna pensarne di nuovi per far capo alla situazione attuale, ovvero un contesto completamente diverso da quello degli anni 50.

Partendo dall’art. 3 della Convenzione Europea sui diritti umani, se l’Italia stesse davvero rispedendo i migranti salvati nelle acque libiche sulle coste, in che modo verrebbe giudicato tale operato italiano secondo un’ottica del diritto internazionale?

Qualora fosse vero, sarebbe in questo caso possibile fare un ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, come accaduto nel caso Hirsi, invocando il precedente di questa sentenza, che io però ho criticato. Il discorso potrebbe venire in considerazione per quanto riguarda l’art. 3. In questo caso, allora, è necessario che le organizzazioni umanitarie gestiscano e sorveglino i campi in Libia allo scopo di accertarsi che questi individui siano trattati secondo le norme dei diritti dell’uomo. Non si può imporre alla Libia di rispettare la Convenzione europea dei diritti dell’uomo perché non è parte, ma le si può imporre di rispettare gli standard dei diritti umani.

Le operazioni di salvataggio, aiuto umanitario e recupero portate avanti dalle Organizzazioni non Governative vengono in qualche modo ostacolate dalle operazioni italiane in acque libiche?

Ritengo di no. La grande polemica emersa – e non so se è vero o no –  è che queste ONG, o almeno alcune di esse,  fungevano un pò da ‘taxi’ per quanto riguarda queste le immigrazioni illegali. Non si deve, infatti, dimenticare che si tratta di traffici di persone illegali gestiti da organizzazioni criminali. Detto ciò, il Governo italiano, tramite il suo operato, non ha proibito alle ONG di operare, ha messo dei paletti per quanto riguarda il loro comportamento. Capisco benissimo che si tratta di una questione delicatissima, perché sappiamo di alcuni Governi che vedono di mal occhio le ONG, ma non è il caso italiano. Il comportamento dell’Italia non è stato per niente incensurato nell’ambito dell’Unione Europea.

L’attuale capo della Guardia Costiera Libica  è Abdurrahman Milad. Secondo numerose fonti, quest’ultimo sarebbe il capo indiscusso del traffico dei migranti e avrebbe ricevuto mazzette dai trafficanti illegali per garantire quello che nel Paese libico è un vero e proprio business, ovvero il traffico di migranti. Fornire supporto a un’Autorità che fa capo a questo personaggio in che modo verrebbe giudicata dal Diritto Internazionale?

Il metro di giudizio su questa analisi non rientra nel Diritto Internazionale. Spetta, infatti, alle Autorità libiche la cautela e il controllo dei sottoposti e organi di polizia o della marina, affinché si comportino conformemente a quelli che sono i dettami dell’ordinamento interno libico, il quale dovrebbe essere poi conforme ai parlamentari del Diritto Internazionale.

Alcuni mesi fa è emersa la notizia che l’Italia avrebbe pagato le milizie locali libiche per fermare il traffico dei migranti, costringendo quindi quest’ultimi a rimanere nel Paese in condizioni forse disastrose. Come giudicherebbe questo comportamento italiano secondo l’ottica del Diritto internazionale?

Si tratta di tesi fittizie. E’ ovvio che il nostro Governo non fa accordi con organizzazioni criminali, ma ha fatto accordi alla luce del sole con il Governo di Al-Sarraj e con alcuni sindaci locali. Il comportamento non sarebbe conforme al diritto internazionale, ma lo escluso nella maniera più assoluta.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->