lunedì, Giugno 27

La Turchia fa i capricci nella NATO, ma si vede già nel nuovo ordine mondiale La scommessa sull’Alleanza Atlantica della Turchia è un gioco di poker ad alto rischio, dato che la Russia è tanto un partner quanto una minaccia per Ankara

0

Il battibecco della NATO sull’opposizione turca all’adesione di Svezia e Finlandia non riguarda solo l’espansione dell’alleanza militare del Nord Atlantico. Si tratta tanto degli obiettivi politici immediati del Presidente turco Recep Tayyip Erdogan quanto del posizionamento della Turchia in un nuovo ordine mondiale del 21° secolo.

In superficie, la polemica riguarda gli sforzi turchi per ostacolare il sostegno alle aspirazioni etniche, culturali e nazionali curde in Turchia, Siria e Iraq e un giro di vite sui presunti sostenitori di un predicatore che vive in esilio negli Stati Uniti. La Turchia accusa il predicatore, Fethullah Gulen, di aver istigato un fallito colpo di stato militare nel 2016.

La polemica potrebbe anche essere un gioco del secondo esercito permanente della NATO per riottenere l’accesso alle vendite di armi statunitensi, in particolare gli aggiornamenti per la vecchia flotta turca di caccia F-16 così come i nuovi modelli più avanzati dell’F-16 e il top- di linea F-35.

Infine, giocare la carta curda avvantaggia Erdogan a livello nazionale, potenzialmente in un momento in cui l’economia turca è in stasi con un tasso di inflazione del 70%.

“Erdogan beneficia sempre politicamente quando affronta il Partito dei lavoratori del Kurdistan (il PKK) e i gruppi ad esso collegati, come le YPG in Siria… In effetti, attaccare il PKK e le YPG è un due contro uno. Si vede che Erdogan affronta veri terroristi e separatisti e, allo stesso tempo, riesce a dare un colpo agli Stati Uniti, che attinge al vasto serbatoio dell’antiamericanismo in Turchia”, ha affermato lo studioso del Medio Oriente Steven A. Cook .

Sebbene questioni importanti in sé e per sé, è probabile che influenzino anche la posizione in cui la Turchia si classificherà mentre il mondo si muove verso una struttura di potere bipolare o multipolare.

La battaglia per il presunto sostegno scandinavo, e principalmente svedese, alle aspirazioni curde coinvolge il grado in cui gli Stati Uniti e l’Europa continueranno a calciare la lattina sulla strada di quella che costituisce l’ennesima polveriera mediorientale.

Erdogan ha annunciato questa settimana che la Turchia avrebbe presto lanciato una nuova incursione militare contro i combattenti curdi sostenuti dagli Stati Uniti nel nord-est della Siria. Ha anche sottolineato che l’operazione estenderà le aree di controllo delle forze armate turche in Siria a un’area di 30 chilometri di terra lungo il confine condiviso dei due Paesi.

“L’obiettivo principale di queste operazioni saranno le aree che sono centri di attacco al nostro Paese e le zone sicure”, ha affermato il presidente turco.

La Turchia afferma che le People’s Protection Units (YPG) sostenute dagli Stati Uniti, una milizia siriana che ha contribuito a sconfiggere lo Stato islamico, sono un’estensione del PKK. Il PKK ha condotto un’insurrezione decennale contro la Turchia, patria di circa 16 milioni di curdi. La Turchia, gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno designato il PKK come organizzazione terroristica.

Erdogan accusa la Svezia e la Finlandia di dare rifugio al PKK e chiede che i due paesi estradano gli agenti del gruppo. La Turchia non ha rilasciato ufficialmente i nomi di 33 persone che vorrebbe vedere estradate, ma alcune sono state riportate dai media turchi vicini al governo.

I media svedesi hanno riferito che un medico presumibilmente sulla lista era morto sette anni fa e non era noto che avesse legami con il PKK. Un’altra persona nominata non era residente in Svezia, mentre almeno un’altra persona è cittadina svedese.

Funzionari svedesi e finlandesi sono stati ad Ankara questa settimana per discutere le obiezioni della Turchia. Il Primo Ministro svedese Magdalena Andersson ha ribadito mentre, i funzionari si dirigevano verso la capitale turca, che “non inviamo denaro o armi a organizzazioni terroristiche”.

Convenientemente, i media filogovernativi hanno riferito il giorno dell’arrivo dei funzionari che le forze turche hanno trovato armi anticarro svedesi in una grotta nel nord dell’Iraq usata dal PKK. La Turchia ha recentemente lanciato l’operazione Claw Lock contro le posizioni del PKK nella regione.

I piani militari di Erdogan complicano l’adesione di Svezia e Finlandia alla NATO. I due Stati nordici hanno imposto un embargo sulle armi ad Ankara dopo la sua incursione iniziale in Siria nel 2019. Il leader turco ha chiesto la revoca dell’embargo come parte di qualsiasi accordo sull’adesione di Svezia e Finlandia alla NATO.

Una rinnovata incursione che rafforzerebbe la già triennale presenza militare della Turchia in Siria  potrebbe anche dare una svolta al miglioramento delle relazioni con gli Stati Uniti grazie al sostegno turco all’Ucraina e agli sforzi per mediare la fine della crisi innescata dall’invasione russa.

La Turchia ha rallentato la sua incursione iniziale in Siria dopo che l’allora Presidente degli Stati Uniti Donald J. Trump ha minacciato di ‘distruggere e cancellare’ l’economia turca.

Il Dipartimento di Stato ha avvertito questa settimana che una rinnovata incursione avrebbe ‘minato la stabilità regionale’.

Il rilancio delle vendite di armi statunitensi farebbe molto per consolidare le relazioni migliorate e sminuire il significato dell’acquisizione da parte della Turchia del sistema antimissilistico S-400 russo, anche se l’opposizione della Turchia all’adesione della Scandinavia avrà un effetto duraturo sulla fiducia. Gli Stati Uniti hanno espulso la Turchia dal suo programma F-35 in risposta all’acquisizione.

Questa settimana, Erdogan sembrava ampliare la controversia nella NATO dopo che il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha fatto pressioni sul Congresso degli Stati Uniti contro le vendite militari alla Turchia. “Mitsotakis non esiste più per me. Non accetterò mai di incontrarlo”, ha detto Erdogan, facendo presente che le pressioni di Mitostakis hanno violato un accordo tra i due uomini “di non coinvolgere Paesi terzi nelle nostre questioni bilaterali”.

Le vendite di armi statunitensi avrebbero anche un impatto sulle relazioni turco-russe, anche se la Turchia, contrariamente alla maggior parte dei membri della NATO, continuerà a cercare di bilanciare le sue relazioni ed evitare una spaccatura aperta con Mosca o Washington.

Il revisionismo geopolitico della Russia è destinato a portare la Turchia e l’Occidente relativamente più vicini in materia geopolitica e strategica, a condizione che l’attuale blocco della Turchia alla candidatura di Svezia e Finlandia all’adesione alla NATO venga risolto in un futuro non troppo lontano”, ha affermato lo studioso turco Galip Dalay.

La scommessa sull’Alleanza Atlantica della Turchia è un gioco di poker ad alto rischio, dato che la Russia è tanto un partner quanto una minaccia per Ankara.

La NATO è l’ultimo scudo della Turchia contro l’espansionismo civilizzato russo. Il sostegno russo nel 2008 alle regioni irredentiste della Georgia e l’annessione della Crimea nel 2014 hanno creato un cuscinetto tra Turchia e Ucraina e complicati accordi tra Turchia e Russia nel Mar Nero.

Tuttavia, Erdogan rischia di alimentare un dibattito sull’adesione della Turchia alla NATO, proprio come l’opposizione del primo ministro Victor Orban a un embargo europeo dell’energia russa ha sollevato interrogativi sul posto dell’Ungheria nell’UE.

‘La Turchia di Erdogan appartiene alla NATO?’ hanno chiesto all’ex candidato alla vicepresidenza degli Stati Uniti Joe Lieberman e a Mark D. Wallace, un ex senatore, in un intervento sul Wall Street Journal. A differenza di Finlandia e Svezia, i i due hanno notato che la Turchia non soddisferebbe i requisiti di democrazia della NATO se avesse presentato domanda di adesione oggi.

“La Turchia è un membro della NATO, ma sotto Erdogan non aderisce più ai valori che stanno alla base di questa grande alleanza. L’articolo 13 della Carta della NATO prevede un meccanismo per il ritiro dei membri. Forse è tempo di modificare l’articolo 13 in stabilire una procedura per l’espulsione di una nazione membro”, hanno scritto Lieberman e Wallace sostenendo implicitamente che ribaltare la situazione sulla Turchia costringerebbe il complicato membro della NATO a rimettersi in riga.

In aggiunta a ciò, l’eminente giornalista e analista turco Cengiz Candar ha avvertito che “cedere alle richieste di Ankara equivale a lasciare che un autocrate progetti l’architettura di sicurezza dell’Europa e dia forma al futuro del sistema occidentale”.

 

 

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

James M. Dorsey è senior fellow presso la S. Rajaratnam School of International Studies presso la Nanyang Technological University di Singapore, editorialista sindacato e autore del blog The Turbulent World of Middle East Soccer. In qualità di corrispondente estero, Dorsey si concentra sul cambiamento politico e sociale in Medio Oriente e Nord Africa, sull'impatto del cambiamento in Medio Oriente e Nord Africa sull'Asia sudorientale e centrale e sul nesso di sport, politica e società in Medio Oriente e Nord Africa e Asia.

End Comment -->