martedì, Luglio 27

La Thailandia: ‘il Paese degli anziani’

0

La Thailandia sta letteralmente diventando il Paese degli anziani: si tratta di una situazione sempre più comune, dove un cambiamento demografico sta cambiando costumi sociali e sta minacciando sconvolgimenti per l’economia. Un nuovo programma comunitario, gestito a Bangkok, sta ora cercando di alleggerire il carico degli anziani sui figli più giovani, con una nuova idea di famiglia.

I figli adulti si occupano per i loro genitori anziani sin dalla più tenera età. Un compito duro che riduce lentamente la forza lavoro e che, secondo le stime, nei prossimi tre decenni, coinvolgerà 17 milioni di persone, gravando sul sistema sanitario e ospedaliero. Mentre altri paesi asiatici con un alto tasso di anziani, come il Giappone e Singapore, possiedono i fondi necessari per sostenere il sistema sanitario, la Thailandia sta registrando spese enormi che le impediscono una crescita economica.
Col suo clima caldo e l’abbondanza di case di riposo lussuose, la Thailandia è la destinazione top per i pensionati occidentali. Ma, a livello locale, gli anziani non godono di una buona reputazione. Perciò, la comunità di Nakhon, nella periferia nord-est di Bangkok, sta lavorando per una soluzione: utilizzando le donazioni, sta creando dei piccoli centri dove i giovani,  senza spendere una fortuna, possono lasciare i loro genitori durante il giorno, mentre vanno al lavoro o fare commissioni. In questo modo i parenti che devono occuparsi degli anziani possono fare quello che vogliono, senza rinunciare al lavoro o ai loro impegni.

(Video tratto dal canale Youtube: AFP news agency)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->