mercoledì, Luglio 28

La 'super ape' contro la decimazione delle api field_506ffbaa4a8d4

0

A fronte del rischio di decimazione delle api, che si verifica da 9 anni a questa parte in tutto il mondo, alcuni ricercatori della University of British Columbia, in Canada, hanno inventato una ‘super ape‘: una nuova varietà di api regina, geneticamente avanzate, per invertire questa catastrofica tendenza.
Perché le api rischiano la decimazione massiccia? I fattori determinanti sarebbero la distruzione degli habitat, il cambiamento climatico e i pesticidi, contenenti neonicotinoidi, che fanno perdere alle api il senso dell’orientamento: in questo modo si smarriscono e non sono più capaci di tornare al loro alveare, morendo poco dopo. L’impatto dell’aumento della mortalità delle api è soprattutto agricolo e alimentare, visto che la maggior parte della frutta e della verdura è impollinata dalle api.
Le api sono fondamentali per il nostro ecosistema e la loro salvaguardia è necessaria per il nostro pianeta: contribuiscono al 35% della produzione mondiale di cibo grazie soprattutto all’impollinazione. Si stima che 71 colture su 100 legate alla produzione di cibo, a livello globale, dipendono strettamente dal lavoro delle api. Infatti, cosa accadrebbe se le api smettessero di esistere? Gli effetti sarebbero devastanti, specialmente per quanto riguarda la produzione alimentare, perché non ci sarebbero più impollinatori e l’impollinazione artificiale costerebbe troppo.
Si registra una drastica diminuzione delle api, del 23% soltanto negli Stati Uniti. In Europa, intanto, sono stati banditi alcuni tipi di pesticidi.
(Video tratto dal canale Youtube: euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->