giovedì, Maggio 6

La 'Sugar Generation' cinese e il mercato del lusso field_506ffbaa4a8d4

0

Secondo un recente studio, il mercato mondiale del lusso ha subito un notevole cambiamento, negli ultimi trent’anni, tra i consumatori cinesi: mentre alla fine degli anni ’80 e ’90 i consumatori cinesi sostenevano una piccola parte delle vendite di lusso a livello mondiale, nel 2016, un articolo di lusso su tre, in tutto il mondo, è stato acquistato dai consumatori cinesi. Nel 2015, oltre 111,5 miliardi di dollari sono stati spesi da consumatori cinesi e i tre quarti sono stati spesi all’estero, con più di un terzo di permanenza in Europa. In questo contesto, Parigi è diventata la capitale dello shopping di lusso, per il popolo cinese, nel 2016.

Il fenomeno coinvolge quella fetta di popolazione, attualmente chiamata ‘Sugar generation‘: una categoria che sta dettando le leggi di un’evoluzione del mercato del lusso, mai registrata prima d’ora. Ma perché il mercato del lusso si sta evolvendo in questa direzione? A giocare un ruolo fondamentale sono la debolezza dell’euro, che genera prezzi più convenienti per i consumatori cinesi. Inoltre, la ‘generazione di zucchero’ racchiude le persone nate nel sistema capitalistico, durante gli anni ’80 e ’90, che tendono ad avere una migliore istruzione e molto più potenziale di reddito rispetto ai loro genitori. Un altro fattore è, soprattutto, la pubblicità digitale, di cui le ultime generazioni sono i principali destinatari e da cui la ‘generazione di zucchero’ è costantemente stimolata (specialmente sui social network).

(Video tratto dal canale Youtube: wochit business)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->