martedì, Ottobre 26

La strategia è la chiave del successo field_506ffb1d3dbe2

0

Cina marketing startegia

«Ci sono così tante opportunità, ma la domanda è: dove sarà la prossima mossa?» ha detto Miguel Patricio, Direttore Marketing della AnheyserBusch Inbev, il più grande produttore di birra al mondo, giovedì scorso alla conferenza The Economist’s Big Rethink 2014 negli Stati Uniti. «Vogliamo individuare dove esattamente si trovano più possibilità di successo» ha aggiunto Patricio. Anheyser-Busch Inbev, che ha circa il 25 per cento del mercato globale, definisce Cina e Brasile come i mercati giusti’ dove si è già fortemente posizionata. L’azienda multinazionale di bevande belga-brasiliana crede che questi due mercati emergenti, insieme con gli Stati Uniti, siano un prezioso aiuto a mantenere salda la crescita a lungo termine del reddito sia nei mercati sviluppati sia in quelli emergenti.

In Cina, uno dei prossimi grandi passi per ABInBev è l’investimento nella costruzione di birrerie. Tra le nuove 6 in previsione che la società costruirà in Cina, una di loro si trova sulla costa, le altre cinque comprendono le province dello Yunan e dello Henan. Il produttore gigante vuole scommettere sul grande mercato della Cina, che conta 1,3 miliardi di persone, con circa 300 milioni nella classe media. Più del 75 per cento dei consumatori urbani della Cina guadagnerà da $9.000 a $34.000 all’anno entro il 2022, secondo la società di consulenza McKinsey & CompanyMa per molte aziende multinazionali, che sono in Cina, la strategia a lungo termine è la costruzione del marchio, soprattutto per i beni di consumo.

La Cina è diventata un mercato top per molti marchi stranieri. Adesso è il più grande mercato per la General Motors, che vende più veicoli qui che negli Stati Uniti, la sua base di partenza. Circa il 60 per cento delle attuali vendite di Chevrolet , una delle piattaforme globali di GM, sono nei mercati emergenti. «Di sicuro, la Cina è una parte importante della nostra strategia, ed è ancora una questione di sensibilizzazione», ha detto Tim Mahoney, Direttore Marketing di Chevrolet e operazioni di marketing di GM. «Campagne di sensibilizzazione aiutano Chevrolet, marchio con 103 anni di vita, per raggiungere più consumatori in Cina, Paese che lo scorso anno è diventato il secondo mercato mondiale per il nostro marchio».

560 milioni di dollari sono stati stanziati in Cina per sponsorizzare il marchio della squadra di calcio Manchester United, dove il logo del marchio è il chiaro blasone che appare sulle maglie sportive. Insieme ad altri mercati emergenti, la Cina ha quasi un terzo degli oltre 300 milioni di tifosi del MU, in tutta la regione Asia-PacificAmway, una società americana che produce, commercializza e distribuisce prodotti di consumo, ha visto le vendite globali dello scorso anno aumentare di 500 milioni di dollari raggiungendo 11,8 miliardi dollari, con circa il 40 per cento proveniente dalla Cina. Candace Matthews, Direttore Marketing di Amways, ha detto che la loro strategia è quella di ‘collaborare con il governo’, «Molti dei nostri alti dirigenti hanno lavorato nel governo cinese in passato e sono stati molto chiari nel farci capire quanto fosse forte e importante costruire quel rapporto (con il governo)». 

Tra le osservazioni di questi grandi Capi del Marketing globale è che i consumatori cinesi sono disposti a provare cose nuove, e ciò crea opportunità per le loro imprese. «E’difficile fare una generalizzazione sui consumatori cinesi. Ma sembra che ci sia una maggiore tendenza a sperimentare e provare nuove marche laddove in passato vi era un orientamento decisamente tradizionale e conservatore».

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->