lunedì, Giugno 27

La storia del blackjack: dalle origini fino ad oggi Da dove è iniziato tutto? Ricapitoliamo le varie fasi storiche di uno dei giochi di carte più popolari al mondo

0

Il blackjack è uno dei giochi di carte più popolari al mondo ma, la maggior parte delle persone, ignorano quali siano le sue origini e le motivazioni del suo stesso nome.

Da dove è iniziato tutto? Abbiamo deciso di fare un breve viaggio nella storia del blackjack dalle origini fino a giorni nostri in cui è disponibile anche online nei casino con licenza ADM, dei quali si possono apprezzare i bonus benvenuto casino.

Le origini del blackjack: da dove è iniziato tutto?

La maggior parte degli studiosi concorda sul fatto che il blackjack si sia evoluto da un gioco chiamato ventuno. La storia di ventuno, invece, è incerta e piuttosto controversa. Questa versione del gioco di carte, secondo alcuni storici, risale all’epoca romana. I giocatori usavano blocchi di legno per rappresentare i numeri, invece di cartedi carta.

Un’altra storia, invece, coinvolge Miguel de Cervantes, un giocatore d’azzardo e descrive due imbroglioni di carte con sede a Siviglia. Questi erano abili imbroglioni che giocavano a Veintiuna, un gioco spagnolo di ventuno carte. Spiega anche che l’obiettivo del gioco è segnare 21 punti senza andare oltre, con gli assi che valgono 1 o 11 punti.

Tuttavia, si pensa che ventuno fosse apprezzato nei casinò francesi intorno alla fine del secolo. Vingt-et-un era l’equivalente francese di ventuno. La popolarità del gioco crebbe e fece la sua apparizione anche alla corte reale durante il regno di re Luigi XV. Altre versioni del gioco includono Trente-Un in Spagna, Quinze in Francia e Sette e Mezzo in Italia.

La diffusione del blackjack in America

Durante questo periodo, il gioco si sviluppò e divenne popolare negli Stati Uniti. Nel 1820, il blackjack apparve per la prima volta nelle sale da gioco del News Orleans e presentava delle regole molto diverse da quelle che conosciamo tutt’oggi. Ad esempio, a quei tempi, solamente il dealer poteva raddoppiare la puntata.

In quel periodo, era molto diffusa la storia di Eleanor Dumont. Nata in Francia e poi trasferitasi negli USA, era un’abile commerciante e le persone viaggiano da tutto il paese per poterla incontrare.

Com’è nato il nome del blackjack?

Secondo alcuni accademici, il nome blackjack ha avuto origine nei casinò che offrono enormi bonus ai giocatoriche vincevano con una mano caratterizzata da un asso di picche e un jack nero durante la Prima Guerra Mondiale.

Sebbene questa ricompensa sia stata successivamente rimossa, il nome dato a questa combinazione di carte è sopravvissuto nel corso dei decenni. Ora è anche il nome di uno dei giochi di carte più popolari che si trova non solo nei casino terrestri ma anche in quelli online.

Lo sbarco online

La popolarità di un gioco come il blackjack non poteva che essere mutuata dalle decine di piattaforme che a partire dagli anni ‘2000 iniziarono a sbarcare nel mondo dell’online.

Con il gioco del blackjack online è praticamente impossibile effettuare il conteggio delle carte perché il software utilizza più di un mazzo di carte che viene mischiato in una frazione di secondo.

Tuttavia, giocando ai blackjack online (disponibile anche in versione live) si potrà accedere alle decine di bonus e di promozioni che le piattaforme di casino online offrono a tutti i loro utenti.

In questa maniera, l’esperienza di gioco degli utenti sarà di altissimo livello e si potrà giocare ad ogni ora del giorno. Per un’esperienza più coinvolgente, una delle scelte migliori è sicuramente la versione live dei giochi di blackjack con la quale si interagirà con un croupier reale e con i giocatori seduti allo stesso tavolo da gioco.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->