mercoledì, Ottobre 27

La sfida delle esercitazioni multinazionali: Italia al top field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


A partire dalla seconda metà del 2015, si sono svolte due delle più importanti esercitazioni multinazionali del settore militare degli ultimi decenni, sicuramente le più importanti degli anni duemila. L’esigenza di cooperare e coordinarsi per una possibile azione militare ha caratterizzato tutto l’anno appena trascorso. Nessuno ha parlato apertamente di scenario libico o siriano, soprattutto in Italia, ma era piuttosto evidente che il quadro politico e le forze immaginarie in campo fossero riconducibili a queste due fattispecie di missioni.

In ordine cronologico troviamo l’esercitazione Swift Responce 2015, la più imponente e coordinata operazione che vede lavorare sul terreno sedici Nazioni con le rispettive brigate paracadutiste, dette in termine tecnico aviotruppe. Questo lavoro è stato progettato e fortemente voluto dagli stessi Stati Uniti d’America, che hanno visto negli italiani un compagno di avventure. Proprio la Brigata Paracadutisti Folgore ha avuto un ruolo piuttosto importante in questa esercitazione, dando non solo supporto alle altre truppe provenienti dagli altri Paesi della NATO, ma riservandosi un ruolo cardine di cooperazione e direzione delle operazioni. Alla Folgore è stato affidato il ruolo di Quick Reaction Force (Forza di Reazione Rapida), confermata anche per il 2016, che in caso di attivazione prevede la partenza pressoché immediata di piccole aliquote di personale altamente specializzato. L’esprimere il massimo dell’operatività in tempi brevissimi è una delle caratteristiche di questa specialità e l’Italia, considerata la sua posizione nel Mediterraneo, non poteva affidarsi a Brigata diversa.

L’esercitazione ha avuto luogo tra la fine di agosto e l’inizio di settembre, gli ultimi dieci giorni si sono svolti nella nuova base americana in Bulgaria, dove è stato simulato la conquista di un aeroporto dopo un aviolancio delle forze terrestri. La riservatezza mantenuta fino a qualche ora prima della partenza dello pseudo-contingente è stata esemplare ed ha contribuito a far svolgere con regolarità l’esercitazione.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->