lunedì, Maggio 10

La Scuola dimenticata field_506ffb1d3dbe2

0

scuola pakistan

Bangkok – La Nazione sta affrontando una vera e propria “crisi educativa” che, se non fosse risolta subito, può diventare qualcosa di insormontabile. Al netto delle risorse politiche e delle reali volontà in questo campo, si intravedono ancora spazi d’azione al fine di introdurre una profonda riforma del sistema scolastico e d’istruzione, per produrre cittadini caratterizzati da tolleranza e che accettino la diversità etnica e religiosa e per aiutare il Pakistan a tornare alle sue più profonde radici moderate. Questo è il sunto di un documento sulle riforme educative in Pakistan emesso di recente dal Gruppo di Crisi Internazionale. Tra i suoi punti principali, la Organizzazione Non Governativa con sede a Bruxelles e che opera nel lavoro di prevenzione dei conflitti a livello mondiale annota: «Se il Pakistan adottasse i criteri di Legge per i quali si fornisce ai  minori collocati nella fascia d’età tra i cinque ed i 16 anni una linea educativa libera e che spinga in tal senso, si potrebbe riformare un sistema angustiato dall’assenteismo degli insegnanti, da scuole mantenute in condizioni povere o nient’affatto curate da curriculum scolastici che incoraggiano l’intolleranza e fallisce nel produrre cittadini competitivi nel mercato del lavoro».

La riforma dei curriculum viene ritenuta cruciale ed essenziale e nel testo si spinge i Governi provinciali ad assicurare che i libri di testo e gli insegnanti non continuino più sulla strada dell’intolleranza religiosa coi loro discorsi e con una narrativa distorsiva basata su immagini odiose di nemici siano essi di natura locale o straniera.

Il Paese continua a svilupparsi con un’ampia fascia giovanile in epoca da lavoro. «Senza sforzi sostanziali ed urgenti per migliorare l’accesso alla qualità scolastica, senza contrastare adeguatamente la illetteratura e gli standard di insegnamento, si otterrà un più elevato numero di senza lavoro e una più grande area di sotto-lavoro, un mancato sviluppo economico e i lavori più attraenti saranno più alla portata delle componenti jihadiste ed ai gruppi criminali, il che contribuirà ad una più grande violenza ed instabilità».

Fin da quando il 18° Emendamento della Costituzione ha delegato alle unità federali l’obbligo dell’Istruzione, i Governi provinciali hanno intrapreso alcuni passi per dar luogo ai loro obblighi nell’educazione ed istruzione dei minori. A tutt’oggi, non tutte le Provincie hanno raggiunto gli standard richiesti dall’apparato legislativo, le reggi ed i regolamenti attuativi non sono ancora stati messi in campo effettivamente. Le allocazioni dei fondi, nonostante la loro continua crescita, è insufficiente per raggiungere quanto richiesto dalla crescita economica.

Il documento ufficiale deplora il fatto che milioni di bambini e minori tra i cinque ed i 16 anni di età, i quali sulla carta avrebbero diritto ad una Istruzione libera oltre che obbligatoria, sono ancora al di fuori dell’apparato scolastico e la qualità finale dell’insegnamento per coloro che dovrebbero essere a scuola rimane ancora di bassissimo livello.

Nepotismo e corruzione permeano il sistema, compreso l’impiego, la collocazione ed i trasferimenti degli insegnanti.

Il testo sottolinea inoltre che la violenza militante ed i disastri naturali hanno esacerbato lo smantellamento dell’Istruzione. Terremoti e inondazioni hanno distrutto edifici scolastici, impedendo così l’Istruzione di centinaia di migliaia di bambini.

Più di nove milioni di bambini non ricevono Istruzione Primaria o Secondaria ed i tassi di acculturazione rimangono stagnanti verso il basso.

La Nazione è lontana dal raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio nel portare l’Istruzione primaria a livello universale entro il 2015. Il tasso di accoglimento alla Scuola Primaria nel 2012-2013 ha registrato un mero un per cento di crescita rispetto all’anno precedente.

Vi sono ancora significative disparità di genere e differenze tra aree urbane ed aree rurali. La collocazione di disponibilità finanziarie a livello combinato federale e provinciale è il più basso di tutta l’Asia del Sud, solo un due per cento sul PIL nazionale.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->