martedì, Maggio 24

La Russia nel Donbass: quel che c’è da sapere Una spiegazione sullo sfondo delle mosse della Russia nel Donbass. La natura etnica del conflitto, la situazione oggi e quel che sarà, il prezzo che pagherà l'Ucraina e la UE. Al momento, questo sembra un conflitto che l'Europa, gli Stati Uniti e la NATO non controllano. Far coincidere l'Occidente con l'Oriente sarà estremamente difficile

0

Il Presidente russo Vladimir Putin, ieri (lunedì 21 febbraio) ha firmato un decreto presidenziale a seguito di una risoluzione approvata dalla Duma di Stato russa la scorsa settimana per riconoscere le regioni di Donetsk e Lugansk dell’Ucraina orientale come repubbliche indipendenti (laRepubblica Popolare di Doneck -DNR- e la Repubblica Popolare di Lugansk -LNR). Così la Russia è nel Donbas.

Conosciuti collettivamente come Donbass, sia Donetsk che Lugansk hanno dichiarato la propria indipendenza dall’Ucraina nel marzo 2014, provocando una guerra civile che dura ormai da otto anni. Circa 15.000 persone sono morte,tra cui circa 4.000 civili, 730.000 rifugiati sono fuggiti dai combattimenti e si sono trasferiti in Russia, una statistica demografica significativa.

Il conflitto è sorto in gran parte a causa di questioni etniche. L’Ucraina ha cercato di giustificare il suo essere un Paese e una cultura distinti dalla Russia sin dallo scioglimento dell’Unione Sovietica, nel 1991. Ciò ha significato che la popolazione prevalentemente filo-russa nell’est dell’Ucraina è stata discriminata. La lingua russa è stata ridotta allo stato secondario,mentre gli sviluppi infrastrutturalitanto necessari e i finanziamenti del governo centrale hanno avuto la tendenza a essere dirottati verso l’Ucraina occidentale, lasciando l’Ucraina orientale relativamente impoverita.

Questa è una questione simile a quella della Crimea, dove un referendum (illegale, ma richiesto localmente) ha mostrato che il 98% dei Crimea voleva tornare al governo di Mosca, piuttosto che di Kiev. E’ significativo che durante l’occupazione della Crimea da parte delle forze armate russe nel 2014 non ci siano stati combattimenti né vittime. Il Regno Unito ha affrontato problemi simili nell’Irlanda del Nord, negli anni ’70, tra cattolici e protestanti in un conflitto militare durato quasi 30 anni.

L’ucrainizzazione dell’Ucraina come distinta dalla Russia si è manifestata in molti modi, sottili e non così sottili. Il nome della capitale ad esempio è stato cambiato da Kiev (fa rima con Shev) e Kyiv (fa rima con Steve) con decreto presidenziale nel 2018 nell’ambito della campagna ‘CorrectUA‘, intesa a promuovere un’agenda nazionalista ucraina a spese del russo popolazione. È un esempio di come gli ucraini russi si siano sentiti emarginati nel proprio Paese, comprese questioni finanziarie come il mancato pagamento delle pensioni e così via. Circa il 30% della popolazione totale dell’Ucraina -44 milioni- si considera etnicamente russa.
Questo è un problema che ribolleva politicamente da diversi anni prima dell’incidente in Crimea e della secessione del Donbas ed è stato affrontato con forza militare dai nazionalisti ucraini. Da allora la situazione è su un piede di guerra.

IL PRECEDENTE DELL’ABKHAZIA
C’è un precedente. Poco dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica e l’emergere della Georgia come Stato sovrano, l’esercito georgiano iniziò una serie di atrocità contro l’etnia abkhazia nel nord-ovest del Paese, una situazione descritta da alcuni come un genocidio.
La biblioteca nazionale dell’Abkhazia è stata rasa al suolo dalle forze georgiane e atrocità commesse da entrambe le parti.
Dopo che diverse missioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite fallirono, la Russia invase l’Abkhazia e inviò truppe e militari nella Georgia più interna, conquistando velocemente la capitale, Tbilisi, dove distrussero alcuni edifici, quindi si ritirò. L’Abkhazia è stata quindi posta sotto il controllo russo per evitare ulteriori spargimenti di sangue, una situazione che persiste fino ad oggi ed è fonte di conflitto tra Russia e Georgia. Tuttavia, da allora la situazione è rimasta tranquilla. L’Occidente ha tradizionalmente sostenuto il punto di vista della Georgia secondo cui l’Abkhazia è territorio georgiano e dovrebbe essere restituita. Il punto di vista di Mosca è che se ciò dovesse accadere, riemergerebbero fazioni regionali e un ritorno alla violenza etnica.

SANZIONI E LIBERO SCAMBIO ALTERNATIVO
Gli Stati Uniti hanno affermato che imporranno sanzioni alle nuove Repubbliche di Donetsk e Lugansk, un punto controverso poiché il commercio tra loro, gli Stati Uniti e l’UE è minimo o inesistente.
Segni che la Russia li avrebbe riconosciuti come stati indipendenti sono apparsi molto di recente, quando il 3 gennaio di quest’anno Mosca
ha concordato un accordo di libero scambio con le due regioni dell’Ucraina orientale, poiché l’Ucraina aveva interrotto le forniture commerciali e una tale mossa permetteva di circumnavigare le normative commerciali e tariffarie amministrative russe esistenti. Resta da vedere come questo possa essere integrato nel blocco di libero scambio dell’Unione economica eurasiatica (EAEU) che include anche Armenia, Bielorussia, Kazakistan e Kirghizistan. Va inoltre ricordato che l’EAEU ha accordi di libero scambio con Serbia, Singapore e Vietnam, mentre sono in corso negoziati con Cina, Egitto e India, e molti altri.

Il fatto che gli Stati Uniti abbiano imposto sanzioni solo a Donetsk e Lugansk in questa fase piuttosto che alla Russia nel suo insieme, è indicativo di un riconoscimento almeno parziale da parte di Washington della situazione nel Donbas come distinta da quella dell’Ucraina di per sé.

COSA SUCCEDE DOPO?
Molto dipende dal fatto che Putin ritenga che la principale minaccia alla sicurezza rappresentata dalla NATO nei confronti della Russia sia stata affrontata con successo o meno. Il che è improbabile, poiché le province ucraine di Chernihiv, Sumy e Kharkiv confinano tutte con la Russia e sono relativamente vicine a Mosca.Un principio chiave formulato dal Cremlino è stato il ritiro delle armi e delle truppe della NATO dall’intero Paese, insieme alla promessa che l’Ucraina non si unirà alla NATO in futuro.

Il vertice proposto tra Biden e Putin , annunciato solo due giorni fa, ora quasi certamente non avrà luogo: Putin ha effettivamente evitato le aperture e la diplomazia degli Stati Uniti in quanto non prendono sul serio le richieste di sicurezza della Russia. Ha effettivamente messo il telefono giù con Biden e la NATO.

L’Occidente e gli Stati Uniti saranno senza dubbio molto critici e cercheranno di imporre ulteriori sanzioni, con certamente il presidente ucraino estremamente esplicito nelle sue richieste. Eppure, trasferendosi nel Donbas, Mosca ha segnalato la sua intenzione di impedire alla regione di cadere in ulteriori e prolungate violenze. Donetsk e Lugansk esisteranno quindi come territori controllati dalla Russia con i governi locali che si occuperanno della sicurezza interna e del benessere della popolazione e la Russia lo sosterrà con il commercio e la riqualificazione, il reinsediamento dei rifugiati, mentre lo sostiene con i suoi militari e le sue finanze fino a che le regioni saranno in grado di resistere da sole, anche se ci si può aspettare una presenza militare russa a lungo termine.

ULTERIORI POSSIBILITÀ DI INCURSIONE E IMPLICAZIONI
La domanda più grande ora è se Mosca cercherà di annettere le altre tre province ucraine al confine con la Russia o se cercherà di trasferirsi in Ucraina come soluzione totale e riportare l’intero Paese nella sua orbita.
Entrambe queste ipotesi vedranno gravi sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dall’UE alla Russia. In termini di scambi, ciò provocherà effettivamente un crollo del commercio e delle forniture Russia-UEe comporterà la fine delle forniture di gas dell’UE dalla Russia, una situazione che comporterà inevitabilmente carenze di gas e forniture di energia permanentemente all’UE, che avrà bisogno cercare altrove e costruire e finanziare l’infrastruttura per consentirgli di farlo. Gli Stati Uniti vedrebbero ciò come una vittoria, in quanto forniranno all’UE gran parte del suo fabbisogno energetico.

Per Mosca, la perdita dell’UE come cliente energetico sarà assorbita. La Russia ha firmato un contratto decennale di fornitura di petrolio da 80 miliardi di dollari con Pechino proprio la scorsa settimana, e non è a corto di altri clienti, con i principali consumatori in tutta l’Asia, inclusa l’India.
La perdita del commercio dell’UE sarà un inconveniente a breve termine, le sanzioni imposte dall’UE in seguito all’annessione della Crimea erano state assorbite quattro anni dopo, con numerosi produttori di prodotti dell’UE che hanno semplicemente trasferito la produzione in Russia per riprendere le forniture, una forma di trasferimento tecnologico accelerato dall’irrogazione di sanzioni.

L’anno scorso, le esportazioni della Russia verso nuovi mercati asiatici avevano raggiunto quasi la parità con le esportazioni verso l’Europa.
La politica sanzionatoria dell’UE ha danneggiato in parte i suoi stessi interessi. Come ho sottolineato
qui , quando Bruxelles ha imposto sanzioni alla Bielorussia nel 2020, Minsk, uno dei principali fornitori, ha reagito vietando l’esportazione di fertilizzanti nell’UE. Ciò ha lasciato l’UE con una grave carenza di fertilizzanti che ora ha un impatto sui raccolti e sui prezzi alimentari dell’UE. Minsk ha invece trovato clienti alternativi a cui vendere. Le sue esportazioni sono aumentate del 33% tra i membri dell’EAEU e del 58% tra i Paesi non membri dell’EAEU nel 2021, mentre l’UE ora ha problemi inflazionistici sui raccolti e sui consumi agricoli.

RESTA DA VEDERE COSA ACCADRÀ DOPO
Tuttavia vanno poste domande anche all’attuale presidente ucraino, Volodymyr Zelenskyy, entrato in carica nel 2019. Notoriamente popolare ex attore e comico ucraino, ha poca esperienza politica e ha tentato di saldare l’Ucraina, con la sua posizione geopolitica nell’Europa orientale, alle ideologie dell’Europa occidentale,minimizzando le responsabilità nei confronti dell’est ucraino. È un fatto storico in Europa che l’Oriente e l’Occidente siano stati a lungo divisi da ideologie diverse, siano esse politiche, religiose o culturali. Il tentativo di posizionare l’Ucraina in un Paese che può essere entrambe le cose si sta rivelando un disastro. L’Occidente ha avuto la precedenza sull’Oriente con risultati drammatici.
Al momento, questo sembra un conflitto che l’Europa, gli Stati Uniti e la NATO non controllano e in cui hanno a lungo ignorato le tensioni regionali, il malcontento e la violenza. Mentre l’Occidente chiama Putin pazzo, nell’Ucraina orientale e in Crimea è visto come un pacificatore. Far coincidere l’Occidente con l’Oriente in tali circostanze sarà estremamente difficile. Purtroppo saranno l’Ucraina e l’UE a pagarne il prezzo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->