domenica, Settembre 26

La Regina ereditaria

0

‘Scalda i motori’ la Regina Maria Elena (Boschi), consorte morganatica di Re Matteo (Renzi). Ché se, per un qualche motivo (e se ne sta accumulando più di uno), la situazione dovesse precipitare, è lì pronta a prendere la guida del Regno Italico.

Il fido (ma ancor più infido) Duca De Luca, duce delle terre campane, rischia di trascinare nella propria rovina l’intero reame, i cui Dignitari e Cortigiani hanno nei confronti di Vincenzo ‘O Governatore lo stesso sentimentoatteggiamento di amore-odio che ebbero, loro ed i loro predecessori, nei confronti di ‘O Ministro, Paolo Cirino Pomicino. Di cui è ben degno erede, e non a caso questi ora orgogliosamente proclama “Io sto con De Luca”.

Con la bella Elena, invece, vorrebbero stare tutti. “Sa usare la sua femminilità con forza, per accogliere e farsi accogliere con benevolenza. A lei poco si riesce a dire di no”, spiega decrittando la sua personalità la psicoterapeuta Simonetta Giunchi su L’Indro. E’ la sua forza ed il suo limite, “Tutti pazzi per Elena”, e già un’Elena scatenò una guerra durata lustri. Se poi, questa, sarà davvero ‘Regina ereditaria’ è da vedere: per ora, al netto delle cattiverie correnti (e del resto “chi siamo noi per giudicare”), per il represidente fiorentino rappresenta una gran sponda. E si può star certi che il gioco continua, e continuerà, comunque in comune: qualunque ne sia svolgimento ed esito. Il legame è forte, la successione, lontana od imminente, gestita preventivamente od obbligata dagli eventi, sarà frutto della strategia di Matteo ed Elena.

Se poi trattasi di Matteo ed Elena, o di Elena e Matteo, è questione assai interessante. E non di poco conto.         

 

E, dunque, ricapitolando questo scorcio di Novembre 2015

da Lunedì 9 a Venerdì 13

Lunedì 9

La Boschi’ imposta la settimana sorridendo dalla prima pagina di ‘Oggi’. Il resto sono banali ‘applicativi’ politici.

Martedì 10

Mercoledì 11

Giovedì 12

Venerdì 13

Venerdì 13. E ho detto tutto…

 

E poi

Sabato 14 e Domenica 15

Vediamo.

E la prossima settimana

da Lunedì 16 a Domenica 22

Continuiamo a vedere… Ed incrociare le dita.

 

E così ecco scorrere anche Novembre, undicesimo di dodici mesi. Non tornerà mai più. Non torneranno mai più. Forse.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->