venerdì, Ottobre 22

La pubblicità web raggiunge e supera i periodici

0
1 2


La prossima occasione buona per testare Internet in relazione ai periodici ed al resto del comparto, a colpi di inserzioni pubblicitarie, sarà il trimestre in corso, quando le aziende concentreranno gli investimenti in comunicazione per conquistare visibilità, e termineranno la programmazione per il prossimo anno solare.

Relativamente ai singoli mezzi, la TV, che risente maggiormente dell’assenza dei Mondiali di calcio, registra un decremento del -14,3% e chiude il periodo cumulato Gennaio – Giugno a -3,0%. La presenza dei Mondiali nel 2014 si ripercuote anche sull’andamento dei Quotidiani, che già avevano registrato un mese di Giugno in segno negativo (-17.2%) e chiudono il semestre in questione  a -8,0%.

Continua l’andamento positivo della Radio che dopo aver chiuso il mese di Giugno a +16,5%, e continua a crescere nel periodo consolidato Gennaio – Giugno con +7,5%, rimanendo sensibilmente al di sopra della media del mercato. Sulla base delle stime di Nielsen relative al totale del Web advertising, aggiungendo dunque la porzione di mercato non monitorata, il digitale cresce ancora dell’8,0% per il periodo Gennaio – Giugno 2015. Con il Terzo Trimestre, come anticipiamo, in ancor maggiore andamento percentuale positivo.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->