mercoledì, Maggio 12

La potenza della parata militare cinese

0

Durante la parata il presidente Xi Jinping si fece avanti per annunciare che l’esercito cinese, orgoglioso di celebrare i 70 anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, avrebbe perso più di un decimo del suo personale, circa 300.000 truppe perché oggi molti altri paesi diffidano della crescente forza militare della Cina.  Lo spettacolo marziale che si allungava attraverso la capitale giovedì scorso e non poteva avvenire in un momento migliore: il Partito Comunista ha avuto il crollo del mercato azionario e teme che il rallentamento potrebbe stimolare disordini sociali.
Il presidente cinese stava dimostrando il suo potere sui  militare e sul partito, in mezzo a burrasche economiche e una campagna anticorruzione di rettifica ci fanno chiedere se lui e il suo programma di cambiamento – anche in Esercito di Liberazione del Popolo – stessero vacillando secondo il parere degli esperti.

 Il presidente cinese ha affrontato le sfide per rafforzare il suo programma più ampio di rivedere i militari, che rimodellare la sua struttura di comando e abbattere il potere di lunga data di comandi militari regionali in tutta la Cina. Se dovesse accadere, allora questa è la conferma che Xi Jinping è il comandante in capo più potente Cina dimostrando di essere l‘uomo forte che si era visto da quando c’era Deng Xiaoping“, ha dichiarato Scobell.
(tratto dalla sezione video del sito del The New York Times)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->