giovedì, Maggio 6

La ‘plastica’ di canapa ed il futuro della biodegradabilità nell’ambiente Rassegna stampa canapa e cannabis nelle testate estere dal 5 al 9 Aprile

0

La plastica ottenuta da fibre di canapa, il presente ed il futuro della biodegradabilità. A prima vista, la soluzione migliore in termini di ridotto impatto ambientale sembrerebbe essere riposta nella plastica biodegradabile ottenuta dalla plastica ottenuta con canapa ma lo stato del mercato attuale, il sistema asfittico dei finanziamenti e del credito e lo stato della diffusione della coltivazione e trattamento della canapa inducono a ragionamenti più pragmatici e ad un atteggiamento più attendista, più guardingo. Negli Stati Uniti il mondo dello Sport è stato terreno di scontro in termini di applicazioni delle leggi vigenti nel settore dell’uso di cannabis. Un recente studio prodotto da un noto studio legale americano, cerca di fare un po’ di luce su un tema parecchio controverso. Con 109 milioni di dollari di vendite di marzo – in aumento rispetto agli 80 milioni di dollari di febbraio e il superamento del record di 88 milioni di dollari stabilito a gennaio – l’Illinois è pronto a vendere oltre un miliardo di dollari di cannabis per uso adulto nel 2021. La Commissione giudiziaria del Senato dell’Alabama la scorsa settimana ha approvato una misura che include un emendamento per fuorilegge Delta-8-THC e Delta-10-THC, secondo Alabama PoliticalReporter. Entrambi i cannabinoidi possono essere derivati ​​dalla canapa. La Commissione giudiziaria del Senato dell’Alabama la scorsa settimana ha approvato una misura che include un emendamento per fuorilegge Delta-8-THC e Delta-10-THC, secondo Alabama Political Reporter. Entrambi i cannabinoidi possono essere derivati ​​dalla canapa

 

Stati Uniti

La canapa come soluzione all’inquinamento da plastica?

Nonostante le affermazioni sulla capacità della plastica da canapa di pulire gli oceani e limitare la crescita delle discariche, la verità è meno universalmente positiva.

Se gli attuali modelli di consumo di plastica persistono, entro il 2050 gli oceani conterranno più plastica che pesce in peso, secondo un rapporto del World Economic Forum. Nel frattempo, la plastica continuerà a filtrare nel corpo umano e mentre gli scienziati discutono sulla certezza degli studi di tossicità che determinano che il bisfenolo A (BPA) nelle materie plastiche è cancerogeno, la FDA continuerà a rivedere la sicurezza del BPA. E, naturalmente, il consumo di plastica aumenterà il consumo di petrolio, devastando l’ambiente e la stabilità geopolitica.

Chiaramente, l’uso diffuso della plastica è pericoloso per l’uomo e il Pianeta ma la plastica a base di canapa, ampiamente pubblicizzata come materiale meno tossico e biodegradabile, è davvero un’alternativa praticabile? Quando si considerano le dimensioni del mercato della canapa, i limiti di finanziamento, le innovazioni tecnologiche e la biodegradabilità, la soluzione sembra tutt’altro che un proiettile d’argento.

La misura del mercato delle bioplastiche

Il mercato delle bioplastiche rappresenta circa 1,1 milioni di tonnellate di prodotto, con un tasso di crescita previsto del 17,5% entro il 2025. Gran parte di questa domanda è per sacchetti compostabili, bottiglie di plastica e articoli monouso per servizi alimentari come posate e to-go.

Attualmente, il mais e la soia rappresentano la maggior parte del mercato delle bioplastiche, essendo il mais la materia prima primaria che fornisce la cellulosa e gli oli necessari per le bioplastiche. Sia il mais che la soia sono fortemente sovvenzionati negli Stati Uniti, creando una produzione massiccia possibile a prezzi artificialmente bassi.

Le economie di scala per mais e soia rendono più conveniente la produzione di bioplastiche che possono essere competitive in termini di costi rispetto alle plastiche a base di petrolio, ma in questa fase del mercato sarebbe difficile per la canapa competere.

Trey Riddle, CEO di Sunstrand, un impianto di lavorazione della fibra a Louisville, KY, afferma: «Se [la canapa]avesse una sorta di caratteristiche prestazionali uniche, allora ovviamente sarebbe sempre intrigante e rivoluzionario ma se fosse solo funziona come le altre opzioni, quindi si riduce a una questione di costi».

Jim Happ, presidente di Labcon North America, un produttore di articoli da laboratorio usa e getta che ha collaborato con fornitori di bioplastiche, afferma: «Nessuno vuole pagare di più. Vogliono i vantaggi di avere una bioplastica, ma non vogliono pagare di più della plastica convenzionale. [Il prezzo] deve essere pari o inferiore al 10 percento rispetto alla plastica convenzionale. Le persone pagheranno un piccolo premio, ma non pagheranno il doppio».

Happ ha affermato che i pellet di polipropilene a base di petrolio oscillano tra $1,00 e $1,15/libbra. Se la plastica di canapa dovesse competere con la plastica del petrolio, il prezzo per libbra non dovrebbe essere superiore a $1,27 / libbra. Secondo Mark Lindaydi Green Springs Technologies, i prezzi di mercato attuali per la plastica di canapa sono $2,35/libbra.

Cellulosa da canapa VS Olio da canapa

Sebbene la bioplastica di canapa possa essere prodotta dalla cellulosa nelle fibre o dall’olio nel seme, è probabile che la plastica di canapa sarà prodotta principalmente dalla fibra a causa del valore più alto dell’olio di canapa, afferma Riddle.

Ma oltre al prezzo, esistono problemi tecnologici per l’utilizzo dell’olio di canapa o di qualsiasi olio vegetale come polimero. I combustibili fossili producono lunghe catene di acidi grassi necessarie per creare popolari plastiche monouso. Le piante producono anche acidi grassi, ma sono catene corte che devono essere convertite in lunghe catene di acidi grassi. Il processo è dispendioso in termini di energia e costoso, il che rende le bioplastiche più costose.

Tuttavia, afferma Riddle, la canapa cruda, la canapa hurd potrebbe essere efficace come riempitivo nella plastica. «Con un rapporto [rapporto]2:1, a un costo notevolmente inferiore, la canapa hurdha molte opportunità anche come riempitivo nella plastica“, afferma Riddle. “Mettere la canapa nei polimeri, è un gioco da ragazzi».

Barriere ai finanziamenti

Mentre i regolamenti federali hanno vietato la crescita dell’offerta di canapa necessaria per ridurre i costi, anche i regolamenti federali che considerano la canapa una sostanza pericolosa hanno finanziamenti limitati.

Ad esempio, una società chiamata Pure Hemp Technology ha sviluppato un CCR (Continuous Countercurrent Reactor) che utilizza i polimeri di lignina della canapa per creare acido tereftalico, che costituisce il 70% delle materie prime nelle bottiglie di plastica. Il CEO Ed Lehrburger afferma che la loro «tecnologia CCR è pronta … ma stiamo aspettando che i finanziamenti arrivino alla prima piccola scala dimostrativa commerciale».

Sfide sul biodegradabile

Mentre la canapa è pubblicizzata per la sua biodegradabilità, il vero potenziale è sconosciuto. Quando la canapa viene utilizzata oggi come plastica composita, viene miscelata con altri polimeri e additivi che riducono il potenziale di riciclabilità e biodegradabilità. Se la canapa fosse usata come polimero da sola, potrebbe essere biodegradabile, ma potrebbe non avere un mercato utile.

«Non puoi avere una bottiglia d’acqua che si dissolverà in un anno, deve essere una bottiglia d’acqua che si dissolverà in 20 anni», dice Lehrburger. «Quindi l’industria deve condurre molta ricerca e sviluppo, per quanto riguarda la biodegradabilità in termini di alcuni prodotti di plastica utilizzati».

Inoltre, spesso le persone credono che le bioplastiche si biodegradino rapidamente nelle discariche; tuttavia, non è così. Affinché le bioplastiche si biodegradino rapidamente, devono essere collocate in compostiere su scala industriale sotto pressione e calore specifici. Queste compostiere degradano il materiale entro 180 giorni, ma sfortunatamente sono rari negli Stati Uniti e spesso vengono contaminati da plastiche non compostabili.

La necessità di mercati della fibra

In definitiva, per avere un’industria della plastica di canapa di successo, l’industria della fibra di canapa deve prosperare. Oggi esiste un mercato per le plastiche di canapa di alto valore come i compositi automobilistici e più crescono i mercati dei cereali e dei cannabinoidi, più economica diventerà la fibra. Tuttavia, il mercato della plastica per prodotti di basso valore come le bottiglie d’acqua è lontano anni, se non decenni. Per competere in questo mercato, dobbiamo aumentare la scala di produzione in modo che la cellulosa di canapa superi il prezzo della cellulosa nel mais, nella soia e in altri prodotti agricoli. Ma soprattutto, deve essere competitivo in termini di costi con la plastica derivata dal petrolio.

Stati Uniti

Come le leggi sulla cannabis hanno effetti sugli sport professionali

Lo studio legale incentrato sulla cannabis Cultiva Law esamina i cambiamenti intorno allo sport e alle leggi sulla cannabis man mano che la cannabis diventa sempre più diffusa.

Nel corso della storia, gli atleti professionisti sono stati puniti da squadre, campionati e dalla legge per il consumo di cannabis. Di seguito sono elencati diversi esempi di alto profilo, che mostrano quanto seriamente tali azioni fossero viste nel mondo degli sport professionistici.

• 2004: Running back Ricky Williams viene sospeso dalla National Football League per 4 partite dopo essere risultato positivo alla marijuana. Successivamente si è ritirato dalla NFL a causa della loro politica sulla cannabis (prima di tornare in seguito) ed è stato successivamente sospeso nel 2006 per un anno intero, dopo essere risultato positivo ancora una volta.

• 2009: la medaglia d’oro olimpica Michael Phelps viene sospesa dalle competizioni per tre mesi dopo che un’immagine diventa virale che mostra Phelps che fuma (presumibilmente marijuana) con un bong.

• 2015: Jon Singleton, all’epoca uno dei migliori potenziali clienti per gli Houston Astros della Major League Baseball, è stato retrocesso e sospeso per 100 partite dopo essere risultato positivo alla marijuana per tre volte.

• 2017 e 2018: famosi combattenti UFC come Cynthia Calvillo, Nick Diaz, Niko Price, Curtis Blaydes e Abel Trujillo sono stati tutti sospesi dopo essere risultati positivi alla marijuana.

Gli sport professionistici sono un esempio di come il trattamento e le opinioni sull’uso della cannabis siano in continua evoluzione in tutta l’America. Con la formazione continua sulla cannabis e sui suoi benefici, vediamo un allentamento delle leggi e dei regolamenti sull’uso della cannabis da parte dei datori di lavoro per i loro dipendenti. Con la formazione continua, speriamo che questo continui ad evolversi in una direzione positiva.

Cultiva Law è uno dei principali studi legali sulla cannabis nel paese e si sta impegnando per far avanzare l’industria della cannabis attraverso l’istruzione e la rappresentanza. L’azienda sostiene il progresso e l’evoluzione del trattamento delle industrie sportive professionistiche degli Stati Uniti sull’uso di cannabis.

Le restrizioni si stanno allentando

Solo di recente l’industria statunitense dello sport professionistico ha assistito a uno spostamento verso l’allentamento delle restrizioni e delle sanzioni sul consumo di cannabis. Quello che segue è una ripartizione dello stato attuale della cannabis in vari campionati sportivi professionisti americani:

NFL

Nel 2019, la NFL ha annunciato diversi nuovi passi che stava compiendo per comprendere meglio la cannabis ei suoi cannabinoidi, incluso il desiderio di conoscere i diversi sistemi di somministrazione del CBD e come prodotti come edibili, olio e vaporizzatori potrebbero aiutare i giocatori come potenziali strumenti di gestione del dolore. Il Comitato per la gestione del dolore ha incontrato i produttori di cannabidiolo per approfondirne il potenziale, gli effetti e i benefici.

Nel 2020, la NFL e la NFL Players Association hanno concordato un nuovo contratto collettivo di 10 anni che includeva un cambiamento positivo per quanto riguarda il trattamento del consumo di cannabis da parte dei giocatori. In base all’accordo, i giocatori non possono più essere sospesi per essere risultati positivi al THC. Inoltre, durante le prime due settimane di training camp, la soglia è passata da 35 nanogrammi di THC a 150 nanogrammi.

NBA

Sebbene il consumo di cannabis sia ancora vietato dalla National Basketball Association, i test antidroga sulla cannabis per l’attuale stagione 2020-2021 sono stati sospesi a causa della citazione delle «circostanze insolite della pandemia».

In circostanze normali, se un giocatore NBA risulta positivo alla cannabis, per la sua prima violazione il giocatore deve partecipare a un programma di trattamento antidroga. Successivamente, il giocatore riceve una multa per la seconda violazione e una sospensione per cinque partite senza pagamento per la sua terza violazione.

MLB

Nel dicembre 2019, la Major League Baseball ha annunciato di aver raggiunto un accordo con la Players Association per rimuovere cannabis, THC e CBD dall’elenco delle droghe d’abuso del campionato. A partire da febbraio 2020, secondo MLB, “la condotta correlata alla marijuana sarà trattata allo stesso modo della condotta correlata all’alcol”, che include valutazione obbligatoria, trattamento volontario e potenziale disciplina a seconda della condotta (il commissario ha avvertito i giocatori di non presentarsi agli allenamenti o giochi intossicati).

Inoltre, nel 2019 è stato annunciato che i giocatori della Minor League Baseball non sarebbero più stati testati per la cannabis e la cannabis sarebbe stata rimossa dall’elenco delle sostanze vietate. I giocatori che risultano positivi alla cannabis saranno ammessi a un programma di trattamento per l’abuso di sostanze, ma non saranno sospesi da nessun gioco.

NHL

La National Hockey League non classifica più la cannabis come sostanza vietata ma continua a testare i livelli di THC. Se un giocatore NHL risulta positivo, non c’è punizione. Tuttavia, se vengono rilevati livelli anormalmente alti di THC, i medici della lega raccomandano il trattamento.

UFC

Il 14 gennaio 2021, l’UFC e l’Agenzia antidoping degli Stati Uniti hanno annunciato che non avrebbero più punito gli atleti che risultano positivi al THC. In precedenza, gli atleti venivano testati prima di un combattimento. Ora, con la nuova modifica, i combattenti che risultano positivi non saranno puniti.

Patrocinio e Istruzione

Sono stati fatti grandi progressi per quanto riguarda la punizione per il consumo di cannabis da parte di squadre e leghe sportive. Ulteriore sostegno per allentare le restrizioni e promuovere i benefici della cannabis per gli atleti professionisti può solo aiutare i giocatori ad avere successo.

Cultiva Law è incoraggiata dai progressi che le organizzazioni sportive professionistiche stanno compiendo nel trattamento del consumo di cannabis in tutti gli Stati Uniti. Il team di avvocati dell’azienda spera di rappresentare i futuri ex atleti professionisti nella loro seconda carriera come imprenditori del settore della cannabis.

 

Stati Uniti

L’Illinois raggiunge il record di vendite di cannabis con 109 milioni di dollari in termini di vendite

L’Illinois raggiunge un nuovo record mensile nel mese di marzo con 109 milioni di dollari di cannabis venduta.

Con l’arrivo della primavera, l’Illinois continua a stabilire nuovi record di vendite di cannabis, come riporta il Chicago Sun-Times.

Con 109 milioni di dollari di vendite di marzo – in aumento rispetto agli 80 milioni di dollari di febbraio e il superamento del record di 88 milioni di dollari stabilito a gennaio – l’Illinois è pronto a vendere oltre un miliardo di dollari di cannabis per uso adulto nel 2021, secondo quanto confermato da dati recenti del Dipartimento finanziario, i quali rivelano i regolamenti professionali. Le cifre si traducono in $3,5 milioni di vendite giornaliere, un aumento di $600.000 rispetto alle vendite giornaliere di febbraio di $ 2,88 milioni.

L’Illinois è stato il primo stato del paese a stabilire il proprio mercato della cannabis per uso adulto tramite il processo legislativo. Dal suo lancio nel 2020, lo stato ha ripetutamente superato le aspettative di vendita. Tuttavia, i record di vendita arrivano quando lo stato lavora per aprire le sue opportunità nel settore della cannabis per includere più persone che sono state colpite in modo sproporzionato dal divieto della cannabis, il tutto tra le accuse di schemi pay-to-play nell’industria per lo più dominata dai bianchi.

Il rappresentante LaShawn Ford (D) sta guidando lo sforzo di equità sociale dello stato con una legislazione che cerca di espandere il programma e tenere due nuove lotterie di licenza.

«Il lavoro continua fino a quando non riusciamo a convincere le persone in casa a votare a favore, le persone in senato a votare a favore e il governatore a firmarlo e le persone di colore e Brown iniziano a fare soldi», ha affermato Ford, in un’intervista il mese scorso.

L’Illinois si unisce a Stati come l’Oregon e il Colorado nel battere ripetutamente record di vendite. Secondo un nuovo rapporto del BDSA, la crisi del COVID-19 ha effettivamente contribuito a stimolare più vendite di cannabis del solito, portando il totale nazionale per le vendite di cannabis per uso medico e per adulti nel 2020 a $17 miliardi. Il rapporto colloca l’Illinois al vertice delle vendite per il 2020, con un aumento medio di 784 milioni di dollari (in crescita del 46% rispetto al 2019).

Kelly Nielsen, Vice Presidente di Insights & Analytics per la piattaforma di vendita di cannabis BDSA, ha dichiarato in un’intervista a Forbes: «Ci aspettavamo un impatto potenziale maggiore da una recessione economica, ma il settore ha dimostrato di essere resiliente. È potenzialmente a prova di recessione».

 

Stati Uniti

La Commissione del Senato dell’Alabama approva una legge che vieta i prodotti Delta-8 e Delta-10

La Commissione Giudicante del Senato dell’Alabama ha portato avanti una misura che vieta il Delta-8-THC e Delta-10-THC, poiché possono entrambi derivare dalla lavorazione della canapa.

La Commissione giudiziaria del Senato dell’Alabama la scorsa settimana ha approvato una misura che include un emendamento per fuorilegge Delta-8-THC e Delta-10-THC, secondo Alabama Political Reporter. Entrambi i cannabinoidi possono essere derivati ​​dalla canapa.

L’intento originale del disegno di legge era semplicemente quello di aggiungere la tianeptina oppioide sintetica all’elenco delle sostanze controllate dallo Stato. L’emendamento è stato aggiunto al disegno di legge dal senatore repubblicano Arthur Orr.

In un post sul blog, l’Alabama Cannabis Industry Association si è mobilitata contro la proposta.

«È prematuro mettere fuori legge questi trattamenti potenzialmente benefici per condizioni molto gravi fino a quando la ricerca non sarà stata fatta. Quello che sappiamo è che non ci sono stati decessi attribuiti a delta-8-thc e la cannabis è generalmente più sicura anche di alcuni farmaci da banco. Il Senato dell’Alabama ha l’opportunità di regolamentare il delta-8-thc e delta-10-thc nel Compassion Act in modo che sia controllato ma comunque accessibile alle persone che ne trarranno beneficio riducendo la sofferenza e migliorando la qualità della vita», commenta l’ACIA in un post sul blog.

Il presidente e direttore esecutivo dell’ACIA, Chey Garrigan, ha dichiarato al Political Reporter che l’organizzazione «non è contraria” all’intento originale del disegno di legge – vietare la tianeptina – ma si oppone alla «criminalizzazione di Delta 8 e Delta 10».

Nel post sul blog, l’ACIA ha affermato che oltre alle preoccupazioni per la salute pubblica e individuale portate dall’emendamento, lo Stato dovrebbe sostenere dei costi per far rispettare il divieto.

«Questo è il denaro delle tasse che potrebbe andare sulle strade», ha detto l’organizzazione. «Ma, se è incluso come prodotto a base di cannabis medica ed è legalizzato e controllato attraverso il Compassion Act, lo stato riceverà le tasse dalla vendita di esso».

Il disegno di legge, passato alla Commissione 6-3, potrebbe essere esaminato dal Senato questa settimana.

 

Stati Uniti

Le licenze per la coltivazione della canapa in diminuzione quest’anno nel Wisconsin

I permessi di coltivazione della canapa in Wisconsin sono diminuiti in modo significativo finora quest’anno poiché il Dipartimento statale dell’agricoltura, del commercio e della protezione dei consumatori (DATCP) ha rilasciato 340 licenze nei primi tre mesi del 2021, mentre ci sono state 1.301 licenze rilasciate in tutto lo scorso anno, secondo il Rapporto di Brownfield News.

Nel 2019, lo Stato ha rilasciato 1.325 licenze di canapa.

Anche le licenze per processore sono scese da 619 nel 2020 a 248 finora quest’anno. E mentre lo Stato sta ancora accettando le richieste del settore, il segretario designato del DATCP RandyRomanski ha indicato che i numeri sono «leggermente in calo rispetto agli anni precedenti».

«L’obiettivo con questo essere un pilota era che avremmo visto alcuni di questi mercati svilupparsi con il passare del tempo qui, e penso che il mercato stia cercando di trovare la sua strada», ha affermato Romanski a Brownfield News.

Il Wisconsin gestisce ancora il suo programma sulla canapa in base alle disposizioni del Farm Bill del 2014 nonostante le riforme federali sulla canapa nel 2018. Il mese scorso il DATCP ha affermato che stava lavorando sulle regole di emergenza per aggiornare il regime della canapa dello Stato a seguito di una regola finale del Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti a gennaio che ha cambiato alcuni requisiti federali, incluso l’aumento dei limiti di THC per l’eradicazione delle piante dallo 0,3% all’1% e l’aumento della finestra di prova per le colture di canapa.

Nel 2020, lo Stato ha concesso in licenza circa 14.100 acri per la coltivazione della canapa, una diminuzione rispetto ai 16.000 acri concessi in licenza nello Stato nel 2019.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->