giovedì, Agosto 5

La pecora Dolly 20 anni dopo

0

Sono trascorsi vent’anni da quando la pecora Dolly è diventata famosa per essere stata il primo mammifero clonato da una cellula adulta. Cambiava così la scienza, dopo 277 tentativi e diversi aborti e feti malformati, nei laboratori scozzesi del Roslin Institute, vicino Edimburgo, grazie al team coordinato dagli scienziati Ian Wilmut e Keith Campbell. Da quel momento, la tecnica di clonazione è stata utilizzata in altre specie e ha portato allo sviluppo di nuovi farmaci e terapie all’avanguardia.

Quale il bilancio scientifico di oggi? La BBC racconta: «la maggior parte dei benefici attesi dalla clonazione terapeutica non sono emersi. Dolly, tuttavia, ha mostrato qualcos’altro agli scienziati: che le cellule animali possono essere riprogrammate. È possibile ringiovanirle e modificarle perché formino qualsiasi tipo di cellula. Da questo punto di vista, la nascita di Dolly ha cambiato per sempre il pensiero scientifico. È difficile immaginare come questa incredibile conquista scientifica cambierà il mondo». Insomma, è grazie a Dolly che la scienza ha spianato la strada alle cellule staminali pluripotenti, in grado di formare qualsiasi cellula.

Di seguito, il video-documentario, del New York Times, sulla storia dell pecora che cambiò la scienza.

(Video tratto dal canale Youtube: Al Jazeera english)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->