martedì, Giugno 28

La Pazza del Quirinale Cioè Berlusconi, che aspira a occupare Piazza e Palazzo. Mentre parte ufficialmente la corsa più pazza del mondo: dal 24 gennaio si vota

0

E allora, adesso, la corsa più pazza del mondo è formalmente scattata. Il Parlamento italiano (integrato dai delegati regionali) è stato convocato in seduta comune per l’elezione del Presidente della Repubblica. Lunedì 24 gennaio, data mediana tra quelle possibili e preventivate, alle 15. Ovviamente, come sempre, nella più capiente Aula della Camera dei Deputati. La Presidente del Senato della Repubblica, Maria Elisabetta Alberti Casellati, e il Presidente della Camera, Roberto Fico, hanno annunciato l’invio dell’avviso di convocazione, pubblicato poi nella Gazzetta Ufficiale di oggi, martedì 4 gennaio 2022.

Questi i dati ufficiali che occupano ora la piazza politica, la piazza mediatica e, soprattutto, metaforicamente la Piazza del Quirinale. La Piazza del Quirinale è al centro di Roma. E il Quirinale è il centro di attrazione della Piazza. E della ‘Pazza’.

Già, chè oltre e sopra la Piazza del Quirinale, c’è la Pazza del Quirinale. Berlusconi. Seriamente convinto di potersi insediare sullo scranno del Capo dello Stato. Che oltretutto ne è ‘la più alta Magistratura’, e pure Presidente del Consiglio Superiore della medesima, e sai la soddisfazione. In ogni caso Silvio nostro comunque se la gioca, comunque è considerato realmente un possibile eleggibile, comunque è al centro o forse addirittura il centro di ogni attenzione. Comunque vada è già un successo. Non ‘sarà’: è. Roba da pazzi, anche solo ad avere un po’ di memoria, ma roba reale.

E se pazzo (o pazza) di libertà si autodefiniva Pannella, se Roberto D’Agostino ha ribattezzato Alfonso Signorini ‘Alfonsina la Pazza’, ci sono pure altre Piazze e Pazze, e magari anche oggi. A Roma, Piazza Santissimi Apostoli, il Popolo Viola (qualsiasi cosa sia realmente divenuta la creatura di Gianfranco Mascia) si trova per provare a sbarrare la strada al Caimano giunto all’ennesima e probabilmente non ultima resurrezione quando ormai tutti lo davano in pelletteria, e molti convinti di potersi contendere quel che restava della sua preziosa pelle. Rita Bernardini prosegue con diverse modalità la sua iniziativa nonviolenta per le condizioni carcerarie, in particolare il sovraffollamento. Italiani per Assange è in molte piazze e strade per chiedere la libertà per Julian, il giornalista (di fatto) che con la sua Wikileaks aveva per un momento scardinato le omertà del potere e dei Poteri. Ne paga le conseguenze. Ben gli sta, colpirne uno per educarne cento. O centomila. O cento milioni.

Ma su ogni Via e Piazza incombe ormai la fantasmagorica ultima ma non ultima rappresentazione del Consumatore finale. Che per i prossimi sette anni, o magari settanta visto che ormai siamo in regime di pura fantascienza, potrebbe avere sessanta milioni di noi come convitati della sua Ultima cena elegante. C’è chi gli piace…

Tappe precedenti della corsa più pazza del mondo:
1/ Fedez for President
2/ Chicco for President (non Mentana) 
3/ Aridatece Forlani! 
4/ Presidente della Repubblica: eleggiamo il più imbecille! 

PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, CRONACHE DELLA CORSA PIÙ PAZZA DEL MONDO /5 (continua)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giornalista. Editore con ‘La Voce multimedia’

End Comment -->