mercoledì, Settembre 22

La Pasqua e tutti i suoi dolci tradizionali I dolci di Pasqua, dall'uovo di cioccolato, alla colomba, fino alla ricetta segreta della nonna

0
1 2


Elaborata la tradizione dolciaria calabrese dove il dolce di Pasqua si prepara già il giovedì santo e si conservata fino alla domenica. E’ una torta molto semplice che viene adornata con delle uova sode.

Nelle Marche i dolci tipici sono dei biscotti con cannella e pinoli, in Friuli Venezia Giulia i panini dolci a fine pasto accontentano i palati di tutti, in Trentino Alto Adige sulla tavola non mancheranno i ‘Fiadoni’ ovvero dei dolci ripieni, in Sardegna troviamo invece la ‘Pardulas’, un dolce farcito con una crema preparata con ricotta di pecora, in Molise i prepara invece il ‘Cocorozzo’ un dolce preparato con le patate bianche. La tradizione molisana nel tempo si sta perdendo in quanto il ‘Cocorozzo’ è di difficile preparazione e, la sua riuscita non è sempre garantita, le patate infatti devono essere di pasta bianca e molto farinose altrimenti si rischia di rovinare il dolce.

Le uova ad ogni modo, non sono presenti solo sulle tavole degli italiani, anche i ‘cugini‘ francesi la domenica di Pasqua vi rendono onore in ogni sua forma. Sodo, di cioccolato, come addobbo di torte varie, l’uovo è il re della tavola. Insieme alle uova ance il cioccolato sarà uno degli alimenti della tavole francesi. Oltre al classico ‘uovo di cioccolato’ in Francia i bimbi ricevano nel giorno di Pasqua i ‘pesciolini di cioccolato’, tradizione vuole che questo dolce fosse tipico del primo di aprile ovvero il giorno del ‘pesce d’aprile’, quello dedicato agli scherzi ma, negli anni, la tradizione del pesce di cioccolato di è spostata al giorno di Pasqua. Tra gli altri dolci ricordiamo i biscotti a forma d’agnello (che resta la base del piatto principale della domenica di Pasqua) e poi, le torte salata a base di formaggi. Le uova sono alla base anche della tradizione pasquale belga. In particolare in Belgio e in Francia i bambini la domenica di Pasqua daranno il via a una vera e propria caccia al tesoro. Solitamente i genitori nascondono le uovo di cioccolato nel giardino di casa (o dentro casa), e i bimbi la mattina della domenica dovranno cercare il loro dolce. In Germania si prepara invece un dolce chiamato ‘Osternester’, un pane dolce, condito con zucchero, vaniglia, burro e limone, all’interno del quale trova posto un uovo sodo decorato.

In Brasile gli alimenti della tradizione pasquale sono il baccalà, il cioccolato e anche il coniglio. La tradizione vuole che il i bimbi brasiliani vengano visitati dal coniglietto pasquale che regala loro le uova di cioccolato. In Grecia il posto d’onore sarò dato al ‘Tsoureki’ un pan dolce decorato con uova sode, un budino fatto con del formaggio dolce è tipico della tradizione gastronomica russa e finlandese, la ‘Pinca’ un pane dolce che porta l’incisione della croce è molto diffuso in Croazia, la ‘Capirotada’ è il dolce tipico messicano. Si tratta di un pane speziato farcito con uvetta, cannella e chiodi di garofano, questo dolce è molto simbolico, il pane infatti rappresenta il corpo di Cristo e i chiodi di garofano vogliono ricordare i chiodi che hanno trafitto il corpo di Gesù sulla croce.

Tantissime le tradizione sparse per l’Italia e nel mondo. Primi, secondo, contorni, e soprattutto dolci, per la gioia di grandi e piccini e, dopo la giornata di domenica anche il Lunedì dell’Angelo, ovvero il giorno di Pasquetta è ricco di cibo. Principalmente è il giorno dedicato alle uscite, alle gite fuori porta dove la carne alla brace sarà sulle tavole dei campeggiatori e dei vacanzieri.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->