mercoledì, Ottobre 20

La Pasqua e tutti i suoi dolci tradizionali I dolci di Pasqua, dall'uovo di cioccolato, alla colomba, fino alla ricetta segreta della nonna

0
1 2


Tra poco arriva la Pasqua e come tutte le feste anche la tavola sarà protagonista. Immancabile dolce sarà la Colomba e l’uovo pasquale per i più piccoli ma come ogni festa che si rispetti ogni regione ha la sua tradizione gastronomica e i suoi riti da rispettare.

Ad esempio in molte regioni italiane come antipasto si utilizzano le uova perché sono simbolo della fecondità ma anche della rinascita e della ‘pulizia spirituale’, non mancano poi pecorelle di pasta di zucchero, bamboline dolci ma, sicuramente il periodo di quaresima è un momento di riflessione anche a tavola. La gastronomia del magro ha preso piede e nei quaranta giorni di quaresima spesso si fanno dei ‘sacrifici’ gastronomici, così da arrivare a Pasqua vogliosi di cibo e leccornie. Spesso, i cattolici più ferventi i venerdì di quaresima non mangiano la carne o digiunano, un piccolo rito che anno dopo anni diventa tradizione casalinga. Principalmente sulle tavole degli italiani non mancherà l’agnello o il capretto arrosto, in alcune regioni l’abbacchio sarà protagonista della tavola, non mancheranno di certo le uova sode, i formaggi e i salumi.

La Pasqua, così come il Natale ha come immancabile piatto forte il dolce. In Italia il dolce pasquale per eccellenza è la colomba, classica, farcita, con canditi, senza canditi, con lo zucchero a velo, ripiena di cioccolato, oppure crema pasticcera, limone, pistacchio. Altri dolci sono l’agnello ricoperto di cioccolato bianco con l’occhio caratteristico di cioccolato fondente ma, oltre ai classici dolci acquistabili in un qualsiasi supermercato in questo periodo dell’anno, come ogni festa che si rispetti, anche la Pasqua ha i suoi dolci caratteristici, quelli della tradizione, quelli che vengono tramandati di generazione in generazione dalle bisnonne, alle nonne e poi alle mamme, fino a noi.

Ecco allora che in questi tutto lo stivale la pecorella fatta di pasta di mandorla è il must della tradizione. Le gastronomia del dolce si diversifica regione per regione. Molto diffusi è anche il salame di cioccolato, un dolce preparato con biscotti secchi, uova e liquore a scelta ( spesso vermut o marsala), all’impasto viene data poi la forma di un salame e viene conservato in freezer per farlo diventare duro. A questa ricetta base in molte regioni italiane si aggiungono le noci o le mandorle che rappresentano la tradizione pasquale. Nelle regioni del centro Italia il dolce tipico è il ‘Campanaccio’ a questo dolce è stato dato questo nome perché la forma ricorda quella di una campana, per preparare il dolce non devono mancare, l’uvetta, il cioccolato, l’arancia e le uova. Per presentare il dolce nel migliore dei modi, è bene mettere a fine cottura un uovo al centro, come simbolo di buon augurio e rinascita.

Altri dolci tipici della tradizione italiana, in particolar modo meridionale sono gli ‘Ncinetti’ che sono dei semplici biscotti ricoperti di glassa bianca, questi biscotti hanno solitamente una forma rotonda o vengono realizzati come piccole ciambelle.

Dolce tipico della toscana è la torta pasqualina con cioccolato e riso, sarebbe una sorta di crostata a due strati ripiena di cioccolato fondente e late di riso.

Ricca la tradizione dolciaria pasquale piemontese. Tra i dolci tradizionali che i piemontesi gusteranno domenica prossima non mancheranno lo ‘Zuccotto pasquale’, un dolce molto amato anche dai bambini e di facile preparazione basta avere del pan di spagna (oggi si tende ad utilizzare quello già pronto o fatto preparare da una pasticceria di fiducia, una volta anche la base di questo dolce veniva preparata in casa), tagliarlo i triangolini e farcirlo con della crema o del cioccolato. Altro piatto tipico piemontese è la ‘Focaccia pasquale’ una sorta di pane molto morbido condito con delle codette di zucchero.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->