giovedì, Settembre 23

La nuova vita della Garissa University College Una veste rinnovata di tale università kenyota che è la risposta di rinascita al terrore di 9 mesi fa

0

‘The Garissa University College’ ha riaperto le sue porte dopo nove mesi passati dall’enorme attacco terroristico che ha comportato almeno 148 morti e più di 60 feriti. L’università, che è il primo e unico posto per studiare in tutta la frontiera settentrionale del Kenya, ha riaperto anche per dare una risposta positiva di ripresa dall‘attacco da parte dei militanti islamici legati al gruppo terroristico di Al Shabaab. La maggior parte dei membri del personale hanno già ripreso a lavorare subito, mentre gli studenti e il personale accademico sono stati accolti di nuovo lunedì 4 gennaio.

Per fare sì che l’accaduto non si ripeta più, è stata rafforzata la sicurezza presso l’università: un posto di blocco della polizia è stato istituito nel campus e un controllo di sicurezza con metal detectors, che scandagliano la presenza di armi o oggetti sospetti in maniera molto approfondita, è una misura di sicurezza a cui tutti, personale dell’università e studenti sono sottoposti, una volta arrivati alla porta di ingresso. Le immagini sono tratte da un video ‘Youtube’ di ‘Citizen TV’ , principale canale televisivo del Kenya e che ha alle spalle oltre 12 anni di esistenza come ‘Royal Media Services’ (‘RMS’).

(tratto dal canale’Youtube’ di ‘Citizen TV’) 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->